Missili e bombe, ecco le armi usate contro le basi Houthi

108 Visite

Missili lanciati dal mare e bombe sganciate dagli aerei britannici sono il mix che si è abbattuto sulle basi degli Houthi nello Yemen questa notte.

– MISSILI TOMAHAWK Hanno fatto il loro debutto in battaglia nell’operazione Desert Storm in Iraq nel 1991 e la loro affidabilità e precisione è stata migliorata negli anni seguenti. I missili Tomahawk Land Attack Missile (TLAM) della Marina Usa sono missili da crociera a bassa quota in grado di trasportare una testata convenzionale da 500 chili a centinaia di miglia nell’entroterra. Lanciati da navi di superficie o sottomarini, i Tomahawk volano a velocità subsoniche su rotte “evasive” o non lineari che possono battere i sistemi di difesa aerea, secondo una scheda informativa della Marina americana. I Tomahawk sono estremamente precisi e, poichè sono guidati dal GPS, possono cambiare obiettivi o rotta dopo il lancio a seconda delle esigenze. 

– UN SOTTOMARINO COME BASE DI LANCIO Il sottomarino USS Florida è uno dei quattro sottomarini lanciamissili guidati (SSGN) a propulsione nucleare della flotta della US Navy. Originariamente sottomarino con missili balistici di classe Ohio – che trasporta testate nucleari – il Florida e le sue navi gemelle USS Ohio, USS Michigan e USS Georgia, sono stati convertiti in sottomarini con missili guidati tra il 2005 e il 2007. Le dimensioni e la potenza relativamente grandi del sottomarino gli consentono di trasportare 154 missili da crociera Tomahawk, il 50% in più rispetto ai cacciatorpediniere lanciamissili Usa e quasi quattro volte di più rispetto ai più recenti sottomarini d’attacco della Marina americana.

– I CACCIATORPEDINIERE Il Pentagono ha affermato che, oltre al Florida, anche le navi di superficie Usa hanno lanciato Tomahawk contro gli Houthi. La spina dorsale della flotta di superficie della Marina americana è il cacciatorpediniere missilistico guidato di classe Arleigh Burke, con quasi 70 esemplari in servizio. Con un dislocamento fino a 9.700 tonnellate, la classe Burke trasporta una vasta gamma di armamenti, sia difensivi che offensivi.

– I CACCIA TYPHOON I jet bimotore a pilota singolo sono un pilastro della flotta aerea britannica: volano a velocità fino a Mach 1,8 e fino a 55.000 piedi (circa 17 mila metri) di altezza. Sono anche robuste piattaforme d’arma, in grado di trasportare una gamma di missili aria-aria e aria-superficie, nonchè bombe con guida di precisione. I quattro coinvolti nell’attacco agli obiettivi Houthi erano armati con munizioni Paveway IV, bombe con testate da 500 libbre. Il Paveway IV è dotato di pinne caudali che aiutano a guidarlo verso il bersaglio in base alle direzioni che l’arma riceve dalla marcatura laser o dalle coordinate GPS trasmesse a essa. I Typhoon britannici erano supportati da un’aerocisterna Voyager per il rifornimento in volo che consente ai jet di volare su distanze più lunghe. 

agi

News dal Network

Promo