Un anno senza fratel Biagio Conte, il missionario laico dei poveri

88 Visite

Un anno fa, a 59 anni, moriva fratel Biagio Conte, il missionario dei poveri che circa 30 anni fa, novello san Francesco, lasciò tutto e fondò la Missione di Speranza e carità, ancora oggi cittadella dell’accoglienza dei più bisognosi, che assiste circa 600 persone. Oggi pomeriggio alle 17.30, nella Chiesa Casa di Preghiera per tutti i Popoli all’interno della Missione Speranza e Carità di via Decollati a Palermo, dove sono sepolte le spoglie mortali del missionario laico, e nell’abbraccio dei suoi poveri, l’arcivescovo Corrado Lorefice presiederà una celebrazione eucaristica; concelebreranno i vescovi di Sicilia.

Previsto un grande afflusso di gente. Tanta quella che negli anni lo ha seguito, da lui è stata ispirata, molti i volontari per il quale resta un modello di cittadinanza e di servizio. Soprattutto ci sono sempre coloro che ha sempre amato e per i cui diritti ha lottato: gli ultimi tra gli ultimi in mezzo ai quali ha vissuto per 30 anni. 

Biagio Conte: sbandati e migranti, tutti fratelli 

“La Missione nasce dall’esperienza profonda di chi ha incominciato a cercare la verità, la vera libertà e la vera pace, distaccandosi dal mondo materialistico e consumistico. Stanco e dalla vita mondana che conducevo, ho sentito nel cuore di lasciare tutto e tutti; me ne andai via dalla casa paterna il 5 maggio 1990, a 26 anni, con l’intenzione di non tornare più nella città di Palermo, perchè questa città e società mi avevano tanto ferito e deluso“. Così raccontava il missionario laico di Palermo, Biagio Conte, morto il 12 gennaio dell’anno scorso a 59 anni dopo una grave malattia. Aveva lasciato gli agi della sua condizione, la famiglia e l’impresa edile del padre. Una scelta che lo ha accostato al Poverello d’Assisi che lo ispirò.

Circa trenta anni fa ha fondato la cittadella dei poveri, la Missione di Speranza e Carità. “Mi addentrai tra la natura e le montagne all’interno della Sicilia – aggiunse una volta – iniziando un’esperienza di eremitaggio tra montagne, laghi, fiumi, sotto il sole, la luna e le stelle. Poi successivamente cominciai a sentire sempre più che Gesù, l’uomo giusto che ha donato la vita per noi, mi portava con lui per fare una esperienza che successivamente avrebbe stravolto tutta la mia vita; ho camminato molto scaricando le tensioni e le scorie della vita mondana, nel silenzio e nella meditazione mi sentivo sempre più libero e pieno di pace, non avevo nulla con me, eppure era come se avessi tutto”. 

Come spinto da “un vento impetuoso”, disse ancora Biagio Conte spiegando come nacque la sua vocazione per i poveri, “ho iniziato a camminare, da pellegrino, attraverso le regioni d’Italia fino ad arrivare ad Assisi, da San Francesco, a cui ho tanto sentito di ispirarmi per la sua profonda umiltà e semplicità e per l’aver donato la sua vita per Gesù e per il nostro prossimo. Durante il lungo viaggio ho incontrato diversi poveri e trasandati che mi riportarono alla mente quei volti poveri e sofferenti che vedevo nella città di Palermo.

Biagio Conte: un anno dopo l'abbraccio di poveri e vescovi© Antonio Melita/AGF  
Biagio Conte  

Piano piano ha iniziato a capire il progetto “Missione”: “Dedicare la mia vita per i più poveri dei poveri”. Non aveva mai avuto nessuna esperienza del genere: “Dopo l’arrivo ad Assisi, davanti la tomba di San Francesco, nei luoghi dove il Santo ha dedicato e donato la sua vita, sentii nel mio cuore di vivere la mia vita da missionario. Ebbi una reazione impulsiva, volevo andare in Africa o in India, e invece mi sento riportare nella citta’ dove non volevo più tornare, Gesù ha voluto che la Missione nascesse proprio nelle strade di Palermo; partendo dalla stazione centrale tra i vagoni e le sale d’aspetto, angoli di strada, marciapiedi, panchine dove tanti fratelli dormivano e passavano intere giornate tra l’indifferenza piu’ assoluta”.

La società li chiama barboni, vagabondi, giovani sbandati, alcolisti, ex detenuti, separati, prostitute profughi, immigrati, “ma dal momento che ho sentito il coraggio di incontrarli e abbracciarli, li ho chiamati fratelli e sorelle, senza farli sentire inferiori o diversi da noi tutti. Ero felice – disse Biagio Conte – di vivere con loro alla stazione, di aiutarli e confortarli, mi prodigavo a portare loro thermos con latte e the caldo, panini e coperte per ripararli dal freddo”.

Fu un’esperienza forte “e cominciai a chiedere aiuto a tutti, e andai pure alla Curia di Palermo dal cardinale Pappalardo, il quale capì quel giovane che andò a bussare alla sua porte e decise di venire alla stazione per celebrare una messa insieme a tutti i fratelli ultimi sotto i portici della stazione; è stato un momento indimenticabile che mi incoraggiò molto e soprattutto aprì gli occhi della città sui tanti fratelli poveri che vivevano per strada, non considerati da nessuno, come se fossero scarto e rifiuto”.

Da questa esperienza alla Stazione Centrale di Palermo, decise di non tornare più a casa dei genitori, per condividere per sempre la sua vita con i fratelli ultimi: “Inizia così la Missione che sentii di chiamare Missione di speranza e carità. Si scopre un progetto di Dio sconvolgente, ricco di Speranza e Carità, che a distanza di quasi trent’anni dal suo nascere ha coinvolto e continua a coinvolgere uomini e donne di ogni ceto sociale, anche capaci di cambiare radicalmente il loro modo di vivere per diventare missionari e missionarie della speranza e della carità, per operare nei luoghi di emarginazione delle grandi metropoli”. 

Il sindaco di Palermo, continueremo a sostenere la sua Missione

“Nel primo anniversario della sua scomparsa Palermo ricorda doverosamente fratel Biagio Conte, simbolo di solidarietà in città e di attenzione rivolta agli ultimi. Il suo impegno resterà per sempre fonte di ispirazione, la sua eredità non dovrà essere dispersa e, come istituzione, l’amministrazione comunale continuerà a sostenere la Missione Speranza e Carità che fratel Biagio ha fondato”. Lo ha detto il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla.

Biagio Conte: un anno dopo l'abbraccio di poveri e vescovi© Antonio Melita / AGF17/01/2023 Palermo, Roberto Lagalla, sindaco di Palermo, davanti la bara di Biagio Conte.

“Oltre alla perpetua testimonianza di solidarietà, oggi voglio anche ricordare i messaggi che fratel Biagio ha rivolto ai giovani negli ultimi anni della sua vita, alzando l’attenzione su falsi valori come il materialismo e il consumismo e su pericolose dipendenze, a cominciare dall’uso di stupefacenti”, ha concluso Lagalla.

agi

News dal Network

Promo