I trattori occupano Berlino, gli agricoltori furiosi contro il governo

76 Visite

 Centinaia di trattori stanno occupando la città di Berlino, con i mezzi schierati intorno alla porta di Brandeburgo. Si chiude così una dura settimana di protesta che ha visto gli agricoltori tedesch bloccare le città contro i tagli annunciati dal governo delle agevolazioni fiscali del comparto. Una scelta obbligata per il governo di Berlino,  dopo che una sentenza shock del tribunale ha costretto l’esecutivo ad una serie di risparmi nel bilancio del 2024. 

“Per me il governo deve dimettersi. Non sono più in grado di guidarci”, ha dichiarato all’AFP Paul Brzezinski, 73 anni, allevatore di bestiame a sud-est di Berlino.

Le manifestazioni hanno spinto il governo a ritirare parzialmente le riduzioni, promettendo di ripristinare uno sconto sulle tasse automobilistiche e di eliminare gradualmente un sussidio per il diesel nell’arco di diversi anni anziché immediatamente. Ma gli agricoltori sostengono che si tratta di una misura insufficiente e chiedono al governo una retromarcia totale sui tagli annunciati.

 

 

“Non si tratta solo dei tagli più recenti. Quella è stata semplicemente la goccia che ha fatto traboccare il vaso”, ha dichiarato Hendrik Pferdmenges, 45 anni, agricoltore di Hannover che spiega “abbiamo perso troppi sussidi negli ultimi anni. E i regolamenti e la burocrazia sono così elevati che a un certo punto non saremo più in grado di farcela”, ha detto.

La Germania in sciopero

Le manifestazioni degli agricoltori si sono svolte in un momento in cui l’indice di gradimento del governo di coalizione a tre del Cancelliere Olaf Scholz è ai minimi storici. In un recente sondaggio del quotidiano Bild, il 64% dei tedeschi ha dichiarato che vorrebbe vedere un cambio di governo.

Nelle ultime settimane, diversi settori, dalla metallurgia ai trasporti, fino all’istruzione, hanno inscenato proteste a causa della crescita stentata e dell’aumento dei prezzi.

Gli scioperi dei ferrovieri hanno bloccato i trasporti la scorsa settimana, mentre i lavoratori metalmeccanici e gli impiegati del settore pubblico sono scesi in piazza a dicembre. Le manifestazioni degli agricoltori hanno attirato anche manifestanti di estrema destra, facendo temere che gli estremisti stiano cercando di cavalcare la protesta.

L’AfD, partito di estrema destra, sta godendo di un’impennata di popolarità, con percentuali tra il 21 e il 23% a livello nazionale in termini di intenzioni di voto e oltre il 30% in alcune zone dell’ex Germania dell’Est.

agi

News dal Network

Promo