La Germania nel 2023 è entrata in recessione

86 Visite

L’economia tedesca è entrata in recessione nel 2023 con un calo dello 0,3% del prodotto interno lordo, appesantito dalla crisi del settore industriale che soffre dei costi dell’energia e delle difficoltà di esportazione. Secondo i dati dell’istituto di statistica Destatis, questo calo previsto del Pil della prima economia europea segue una crescita dell’1,8% nel 2022.

Secondo una stima preliminare di Destatis, nell’ultimo trimestre del 2023 il Pil dovrebbe calare dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. Corretto per le variabili di calendario e di prezzo, il Pil annuale scende dello 0,1%. Tuttavia, questi risultati sono leggermente migliori delle previsioni del governo e del Fmi, che prevedevano una flessione rispettivamente dello 0,4% e dello 0,5% per l’anno in corso.

 “La crescita economica globale si è bloccata in un contesto ancora segnato dalle crisi, in particolare dalla crisi energetica e dalle tensioni geopolitiche”, ha commentato Ruth Brand, presidente di Destatis.

Le ragioni della frenata

L’economia tedesca è stata appesantita per tutto l’anno dalla crisi del settore industriale, che rappresenta circa il 20% della ricchezza prodotta nel Paese. La produzione rimane inferiore di oltre il 9% rispetto al livello pre-pandemia, a quasi quattro anni dall’inizio della pandemia Covid, a causa di una combinazione di fattori.

Il settore è stato inizialmente appesantito per tutto l’anno da una domanda interna fiacca, a causa della corsa dell’inflazione e degli aumenti dei tassi di interesse da parte della Bce. Nell’intero 2023, l’inflazione è aumentata del 5,9% in Germania, dopo il 6,9% del 2022, il dato più alto dalla crisi petrolifera del 1973.

Il settore industriale è stato inoltre penalizzato da un’esportazione meno vivace, in un contesto di tensioni geopolitiche e di indebolimento della domanda di prodotti tedeschi in Cina e negli Stati Uniti. Soprattutto, i prezzi dell’energia rimangono relativamente alti per l’industria rispetto ai suoi concorrenti internazionali. Alcune delle attività a maggiore intensità energetica, come la chimica, stanno lottando per tornare ai livelli di produzione di prima della guerra in Ucraina.

Tuttavia, l’economia tedesca dovrebbe iniziare a riprendersi l’anno successivo. Il governo si aspetta una ripresa dell’1,3%, mentre il Fondo monetario internazionale prevede una crescita tedesca dello 0,9%.

agi

News dal Network

Promo