Il corpo è un tempio: gli indiani tatuati mostrano la loro devozione indù

70 Visite

Mentre gli indiani si riuniscono per l’apertura di un controverso tempio dedicato al dio indù Ram, alcuni dei suoi più ferventi, ma meno privilegiati seguaci si riuniscono separatamente per celebrare la divinità – coperti dalla testa ai piedi da tatuaggi del suo nome.

Un tempo non potevano entrare nei luoghi sacri a causa del loro posto in fondo alla millenaria gerarchia delle caste indiane, i membri del movimento religioso Ramnami vogliono dimostrare che tutti possono venerare il loro amato Ram.

Ma mentre l’India si prepara a inaugurare il tempio di Ayodhya – costruito sul sito di un’antica moschea abbattuta dai fanatici indù nel 1992 – i Ramnami dicono di aver fatto una dimostrazione ancora più audace della loro fede. Hanno inciso il nome di Ram più e più volte sui loro corpi in una scrittura ritmica e fluida.

“Ho dedicato il mio corpo in suo nome”, ha detto Setbai Ramnami, che indossa una corona di piume di pavone ed è avvolta in uno scialle bianco anch’esso ricoperto dal nome di Ram.

“Non sono mai stata in un tempio… Non ho mai offerto fiori a un idolo di Ram”, ha detto Setbai, che ha 70 anni e fa parte dei 200 milioni di Dalit, le caste indiane un tempo conosciute come “intoccabili”.

Oltre ai tatuaggi, i membri prendono il nome del movimento come cognome per dimostrare il loro impegno totale.

18

FULLSCREEN

La storia

Quando, più di un secolo fa, agli antenati di Setbai fu negato l’accesso ai templi, essi reagirono con un ago e un inchiostro ricavato dai residui delle lampade a cherosene.

I tatuaggi erano un messaggio di sfida agli indù di casta superiore: il dio che veniva loro impedito di venerare era per tutti, indipendentemente dalla casta e dal sesso. Per molti indù, l’apertura del tempio  sarà un sogno che si avvera da tempo.

All’inizio degli anni ’90, il partito del Primo Ministro Narendra Modi sostenne la campagna per distruggere la moschea dove ora si trova il tempio, scatenando i peggiori disordini religiosi dell’India moderna che causarono la morte di 2.000 persone, la maggior parte delle quali musulmane.

Ora la struttura, del valore di 240 milioni di dollari, è destinata a consolidare la base indù di Modi, che cerca di ottenere un terzo mandato alle elezioni generali di quest’anno. Ma i Ramni dicono che la loro devozione, impressa sulla pelle, è più forte di qualsiasi struttura fisica costruita nel nome del dio.

“Per noi, Ram è ovunque, in ogni particella, in ogni suono”, ha detto Gularam Ramnami, 52 anni, aggiungendo che per coloro che celebrano il tempio di Ayodhya Ram “risiede in un idolo” e “abbiamo fatto del nostro corpo un tempio”.

“Ram non ha mai detto di rompere una moschea e Allah non ha mai detto di rompere un tempio”, ha detto Gularam.

inaugurazione tempio ram le manifestazioni indu© AfpCostruzione tempio Indù

L’ideologia

tatuaggi su tutto il corpo stanno diventando meno comuni, poiché alcuni devoti più giovani in cerca di lavoro limitano le incisioni alle aree del corpo che possono coprire, anche se dicono di mantenere le altre rigide regole del gruppo.

I Ramni sono vegetariani, non bevono alcolici e non fumano, e per lo più coltivano tutto ciò che mangiano. A differenza della maggior parte degli indù che scelgono la cremazione, i Ramni seppelliscono i loro morti perché non vogliono che il nome di Ram venga bruciato.

Molti Dalit e altri gruppi emarginati devono ancora affrontare violenze e discriminazioni, ma i Ramni dicono che i loro tatuaggi dimostrano il loro sostegno a un dio che tutti possono adorare.

“Non ci interessa chi pensa che siamo una casta inferiore, apparteniamo a una terra in cui casta e classe non hanno alcun significato”, ha detto Gularam.

agi

News dal Network

Promo