Libri: gli italiani preferiscono la carta all’online

74 Visite

Il mercato del libro ha registrato nel 2023 una tenuta sostanziale. Le vendite dell’editoria trade sono state pari a 1,697 miliardi di euro a prezzo di copertina, in crescita dello 0,8% rispetto all’anno precedente (+14,1% sul 2019). Le copie vendute sono state, invece, 111,85 milioni, in flessione dello 0,7% sull’anno precedente (+12,6% sul 2019).  

L’Associazione italiana editori (AIE) rende pubblica l’analisi di mercato sull’editoria trade nel 2023, realizzata in collaborazione con Nielsen BookScan e IE Informazioni Editoriali. Nel trade, in particolare, sono conteggiati i libri a stampa di narrativa e saggistica, compresi i titoli per bambini e ragazzi ed esclusa la scolastica, comprati nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione.  

Nel 2023 il prezzo medio di copertina dei libri comprati è stato di 15,17 euro, in crescita dell’1,5% rispetto l’anno precedente. Nei 12 mesi, l’inflazione è stata invece del 5,7%. Le librerie fisiche sono il primo canale di vendita per i libri: di qui passa il 54,7% (53,5% nel 2022) di tutto il mercato trade dello scorso anno, più di un punto percentuale dell’anno precedente ma 10 punti sotto i valori pre-pandemia. L’online si attesta al 40,7% (41,9% nel 2022), stabile la grande distribuzione al 4,6%.
Cresce l’ebook e l’audiolibro, ma gli italiani preferiscono la carta. 

News dal Network

Promo