India, rilasciato il piccione 007: era sospettato di spionaggio per la Cina

95 Visite

Dopo otto mesi di detenzione, la polizia indiana ha scagionato un presunto piccione spia cinese, rimettendolo di nuovo in libertà. A raccontare la storia del volatile è l’agenzia Press Trust of India, che ricorda come il ‘calvario’ del piccione sia iniziato lo scorso maggio, quando venne catturato vicino a un porto di Mumbai con due anelli legati alle zampe, che portavano un messaggio scritto in un alfabeto che sembrava quello cinese. La polizia, che sospettava fosse coinvolto in attività di spionaggio, lo prese per poi inviarlo nel centro di assistenza per animali Bai Sakarbai Dinshaw Petit di Mumbai.

Alla fine, si scoprì che il piccione era un uccello da gara in acque libere che era fuggito da Taiwan ed era arrivato in India. Con il permesso della polizia, il volatile è stato trasferito alla Bombay Society for the Prevention of Cruelty to Animals, dove è stato liberato.

Non è la prima volta che un uccello viene sospettato dalla polizia in India. Nel 2020, la polizia del Kashmir rilasciò un piccione appartenente a un pescatore pakistano dopo che un’indagine aveva scoperto che il volatile, che aveva attraversato in volo il confine tra i due Paesi, non era una spia. Nel 2016, un altro piccione era stato preso in custodia dopo essere stato trovato con un biglietto alla zampa in cui si minacciava il primo ministro indiano, Narendra Modi.

adnkronos

News dal Network

Promo