Iran avverte Israele: “Se guerra si espande in Libano per Netanyahu sarà ultimo giorno”

64 Visite

Arriva l’avvertimento dell’Iran a Israele sulla possibile espansione della guerra in Libano. Se così fosse, il monito, “sarebbe l’ultimo giorno” del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. A lanciare il monito è il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian, nel corso di una conferenza stampa congiunta a Beirut con il suo omologo libanese, Abdallah Bou Habib. La soluzione alla guerra in corso a Gaza è solo “politica”, ha sottolineato il capo della diplomazia di Teheran.

Ministero Sanità Gaza: “28.064 morti da 7 ottobre”

Sarebbero 28.064 i morti e 67.611 i feriti nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre. Questo il nuovo bilancio diffuso dal ministero della Sanità di Gaza, sotto il controllo di Hamas, passati oltre quattro mesi dall’inizio delle operazioni israeliane nell’enclave palestinese dopo l’attacco del 7 ottobre in Israele. Secondo la fonte, solo nelle ultime 24 ore si contano 117 morti e 152 feriti.

Offensiva a Rafah si avvicina, Hamas chiede intervento Lega Araba e Onu

Mentre sembra avvicinarsi l’inizio dell’offensiva di Israele nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove secondo l’Onu sarebbe ammassata circa la metà di tutti gli abitanti dell’enclave palestinese, un raid aereo israeliano contro Rafah avrebbe ucciso più di venti persone, denunciano fonti mediche della Striscia di Gaza e il sindaco della città, Mohammed al-Sufi. Le forze israeliane avrebbero anche colpito un’auto uccidendo le tre persone che si trovavano a bordo, incluso il capo della polizia segreta di Hamas e il suo vice. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato l’inizio dell’offensiva contro Rafah dove, ha detto, si trovano quattro battaglioni di Hamas.

Netanyahu ha informato il gabinetto di guerra che l’operazione delle forze di difesa israeliane (Idf) a Rafah dovrà essere completata entro l’inizio del Ramadan, il 10 marzo. Lo ha riferito un funzionario israeliano alla Cnn, precisando che la comunicazione risale a giovedì. Ieri Netanyahu ha dato istruzione alle Idf di presentare al governo piani di evacuazione da Rafah, in vista della prossima operazione dell’esercito.

Un’eventuale operazione militare israeliana a Rafah, nel sud di Gaza, rischia di provocare “decine di migliaia” di morti e feriti, ha denunciato Hamas in una nota, secondo quanto riferito da Sky News Arabia. Hamas chiede “alla Lega Araba, all’Organizzazione per la Cooperazione Islamica e al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di intervenire urgentemente per impedire che l’occupazione commetta un genocidio a Rafah con l’obiettivo di sfollare il nostro popolo palestinese”.

“Molte delle oltre un milione di persone che compongono oggi la popolazione di Rafah hanno sopportato sofferenze impensabili. Dove dovrebbero andare? Come dovrebbero stare al sicuro?”, ha dichiarato il responsabile per gli Affari umanitari delle Nazioni Unite, Martin Griffiths. “Le loro case sono state distrutte, le loro strade minate, i loro quartieri bombardati. Sono in movimento da mesi, sfidando bombe, malattie e fame”, ha aggiunto Griffiths, secondo cui “non c’è più nessun posto dove andare a Gaza”.

Anche il ministero degli Esteri saudita ha messo in guardia dalle “conseguenze estremamente pericolose” di un attacco israeliano alla città di Rafah, l’ultimo rifugio per centinaia di migliaia di palestinesi. In una nota condivisa sul social X, Riad ha ribadito la “forte condanna” per lo sfollamento “forzato” dei palestinesi e ha rinnovato la sua richiesta di un cessate il fuoco immediato.

“Questa continua violazione del diritto internazionale e del diritto internazionale umanitario conferma la necessità di convocare urgentemente il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per impedire che Israele causi un’imminente catastrofe umanitaria di cui sono responsabili tutti coloro che sostengono l’aggressione”, ha affermato il ministero degli Esteri.

Blitz ospedale Khan Yunis

Le forze di difesa israeliane (Idf) affermano intanto che intensi combattimenti fra soldati israeliani e operativi di Hamas sarebbero avvenuti a Khan Yunis, nel sud di Gaza, così come nel centro e il nord della Striscia, aggiungendo che vi sono stati raid aerei contro diversi obiettivi di Hamas nella Striscia. Diversi uomini armati di Hamas sono stati uccisi o catturati, riferiscono le Idf.

La Mezzaluna Rossa palestinese ha denunciato l’arresto di 17 persone, tra cui otto membri del suo staff (quattro medici), nel blitz effettuato dalle forze israeliane nell’ospedale Al-Amal di Khan Yunis, accusando i militari di aver causato deliberatamente danni materiali e persino rubato denaro agli operatori umanitari, ai medici e ai pazienti.

In una nota l’organizzazione ha precisato che il blitz è durato circa 10 ore. Durante l’incursione, la Mezzaluna Rossa ha sostenuto che i militari “hanno danneggiato alcune attrezzature, hanno trattenuto, interrogato, picchiato e umiliato équipe di lavoratori” e impedito loro di “bere acqua e usare il bagno”. Secondo la Mezzaluna Rossa, tra gli arrestati figurano anche quattro pazienti feriti.

All’ospedale Nasser, a Gaza, due persone sono state uccise e cinque sono rimaste ferite, tra cui un infermiere in gravi condizioni. Lo riferisce in una nota Medici Senza Frontiere (Msf), precisando che nelle ultime 48 ore i suoi team all’interno dell’ospedale hanno riferito di “colpi di arma da fuoco sparati contro persone all’interno della struttura ospedaliera”.

“Mentre le forze israeliane stanno continuando le operazioni nelle immediate vicinanze del Nasser Hospital, i pesanti combattimenti non consentono alle persone né di allontanarsi né di entrare per accedere alle cure. Il personale medico ha paura di muoversi all’interno e intorno all’ospedale per timore di essere colpito”, prosegue la nota di Msf, secondo cui “le strutture mediche, le aree circostanti e il personale dovrebbero essere sempre protetti e l’accesso agli ospedali non dovrebbe essere ostacolato”.

Attacco in Siria

Le autorità siriane affermano di aver respinto un attacco missilistico israeliano contro siti vicino Damasco. “Il nemico israeliano ha lanciato un’aggressione aerea a partire dal Golan occupato, prendendo di mira siti della campagna attorno a Damasco”, scrive l’agenzia stampa ufficiale Sana. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, che è basato a Londra, almeno tre persone sarebbero rimaste uccise nell’attacco aereo della scorsa notte alla periferia di Damasco.

A quanto si legge, il raid, poco dopo la mezzanotte, ha colpito un edificio nell’area di Dimas, a ovest della capitale siriana. Il bilancio delle vittime potrebbe aumentare perché vi sono molti feriti. Fra i morti vi sono persone di “nazionalità non siriana”. Secondo l’Osservatorio si tratta del decimo attacco aereo israeliano in Siria dall’inizio dell’anno.

Moody’s abbassa rating Israele per la prima volta

La società americana di analisi finanziaria Moody’s ha abbassato il rating di Israele, che passa da A1 a A2, aggiungendo una previsione “negativa” per il futuro, mentre il Paese è impegnato nella guerra a Gaza. E’ la prima volta nella storia di Israele che il rating del Paese viene abbassato. “Anche se è troppo presto per determinare le conseguenze finanziarie, si tratta prima di tutto di un colpo all’immagine internazionale di Israele”, scrive Haaretz.

“L’abbassamento del rating d’Israele è un’ulteriore prova del fatto che questo governo non funziona e danneggia il pubblico”, ha scritto su X il leader dell’opposizione israeliana, il centrista Yair Lapid. Duro anche Avgdor Lieberman, leader del partito conservatore laico all’opposizione Ysrael Beitenu, che parla di “risultato di politiche populiste e insopportabili”.

adnkronos

News dal Network

Promo