A Ravenna, l’associazione Opportunità alla Pari Aps presenta “La Gru” per l’avvio del Festival delle Culture

99 Visite

“È per noi un grande onore essere stati chiamati a partecipare al Festival delle Culture del Comune di Ravenna con lo spettacolo LA GRU di Luisa Campatelli – ha dichiarato in conferenza stampa Sabrina Pontrelli, presidente dell’associazione Opportunità alla Pari aps – Siamo tutte davvero molto emozionate e sebbene fossimo consapevoli della potenza del testo, a dirla tutta, non pensavamo che avremmo varcato i confini regionali. 

Per questo ringraziamo l’amministrazione comunale di Ravenna nella persona del sindaco Michele De Pascale, gli assessori Federica Moschini e Fabio Sbaraglia e l’Unità organizzativa Politiche per l’Immigrazione diretta da Giovanna Santandrea e il responsabile Giampaolo Gentilucci per averci dato questa grande opportunità.

Siamo un’associazione abbastanza giovane – ha aggiunto Pontrelli – anche se consolidate da un percorso comune nella commissione provinciale alle pari opportunità. Abbiamo promosso questo spettacolo già in provincia di Taranto e vi preannunciamo che il silenzio assordante alla fine della performance è proprio la cifra del suo successo. Luisa Campatelli ha scavato nel profondo delle emozioni, Alfredo Traversa ha tradotto magistralmente il testo in rappresentazione teatrale e l’interpretazione di Tiziana Risolo sarà per tutti voi una piacevole scioccante sorpresa.”

Con queste parole la presidente è intervenuta nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina in diretta streaming dall’aula consiliare di Ravenna in occasione della presentazione del prestigioso Festival delle Culture che si svolgerà nel comune romagnolo da marzo a luglio di quest’anno.

 

“Oggi 23 febbraio, mentre siamo in collegamento – ha precisato Alfredo Traversa – c’è il ministro Urso in visita a Taranto che sta parlando di sicurezza sul lavoro nel grande stabilimento dell’acciaio e proprio due ore prima del nostro collegamento in provincia di Teramo c’è stata un’altra morte sul lavoro. Sono quasi mille morti all’anno. Quindi noi portiamo all’attenzione dei giovani questa drammatica quotidianità con LA GRU, questo animale stupendo che un tempo vedeva in Taranto un luogo di sosta. Bene, ora a Taranto le gru ci sono ancora, ma sono le gru di acciaio – ha così concluso il regista – che hanno raccontato diverse morti, e una è quella che porteremo a Ravenna il 12.”

Nel corso dell’incontro con i giornalisti, a Ravenna sono intervenuti il Sindaco e Presidente della Provincia di Ravenna, Michele de Pascale, gli assessori Federica Moschini e Fabio Sbaraglia, mentre a Taranto, presso la sede dell’associazione, erano collegati Sabrina Pontrelli, Ingrid Iaci, Stefania Caputo, Rossella Galeone, Maria Marinelli e il regista della pièce Alfredo Traversa.

Andare a lavorare e non ritornare a casa: questa in sostanza la tragica realtà che accomuna i territori di Ravenna e Taranto. Che si tratti della strage della Mecnavi, accaduta a Ravenna il 13 marzo 1987, o del distacco della cabina di una gru al porto di Taranto, come è successo per ben due volte, poco cambia: si tratta, di tragici episodi, tra i tanti casi di morti sul lavoro. Proprio per questa ragione, l’amministrazione ravennate, che dal lontano 1987 ricorda ogni anno le 13 vittime dell’incendio scoppiato nella stiva della nave gasiera Elisabetta Montanari, ha selezionato quest’anno LA GRU, quale opera più idonea al tema della commemorazione.

Lo spettacolo proposto dall’associazione Opportunità alla Pari insieme al film “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi, darà il via, a marzo, al Festival delle Culture che prevede, nel complesso, una ricca offerta di eventi di altissimo profilo.

La Gru andrà in scena il prossimo 12 marzo, nelle artificerie Almagià di Ravenna, alle ore10, alla presenza delle autorità locali e degli studenti degli istituti superiori.

LA GRU

Testo di Luisa Campatelli

Interpretazione di Tiziana Risolo

Regia di Alfredo Traversa

La tempesta, meteorologica ed emotiva, è il fil rouge di questa rappresentazione teatrale.
Una donna attende il rientro a casa del marito. La tempesta, il pericolo, se l’uomo che ami lavora in cima ad una gru nell’area del porto di Taranto è sempre presente. In un periodo di tempo relativamente breve, tra una sirena della polizia e l’interruzione dell’energia elettrica, la protagonista rivive gli ultimi attimi vissuti col marito, cerca di ricordare, per darsi forza, i momenti più belli, e spera, fino alla fine, che tutto quel finimondo non finisca per annientarli.

Non sarà così.

Il suo uomo non tornerà.

Sarà travolto a centinaia di metri d’altezza dalla foga del vento.

Opera ispirata a fatti realmente accaduti di recente con processi ancora in corso.
Il titolo La GRU non indica solo la macchina per il sollevamento e lo spostamento di merci e materiali ma per un destino crudele LA GRU fa anche riferimento all’uccello di grandi dimensioni che prima dell’industrializzazione selvaggia di Taranto abitava le stesse zone ora occupate dalle gru/macchine.

La trasposizione scenica de La Gru a cura del regista Alfredo Traversa è un viaggio intimo, lo specchio di ciò che accade quando avverti che qualcosa di inimmaginabile può accadere.

Non mancano i momenti di forte denuncia pubblica.

 

News dal Network

Promo