Sfide e soluzioni per il rischio climatico: cosa possiamo fare?

99 Visite

Sono tre le gravi minacce climatiche globali che richiedono un’azione immediata. Il mondo si trova di fronte a un punto critico: le temperature globali hanno superato i livelli preindustriali di 1,48°C nel 2023, avvicinandosi pericolosamente alla soglia di 1,5°C, al di là della quale gli effetti sul pianeta diventano imprevedibili.

Sfide cruciali per l’umanità

Tra le principali minacce poste in evidenza dal Global Risks Report 2024 del World Economic Forum, tre rischi sono strettamente interconnessi e si rafforzano reciprocamente, creando una spirale di impatti negativi:

  • gli eventi meteorologici estremi;
  • i cambiamenti critici nei sistemi terrestri;
  • la perdita di biodiversità e il collasso degli ecosistemi.

Un esempio tangibile di questa interconnessione è rappresentato dalle barriere coralline, fondamentali per la protezione dalle mareggiate costiere. Il riscaldamento globale mette a rischio la loro sopravvivenza; gli scienziati prevedono che il 99% di esse non sopravvivrà a un aumento di temperatura di 1,5°C, un traguardo che potrebbe essere raggiunto nei prossimi anni. Il collasso di questi ecosistemi avrà conseguenze devastanti non solo per la vita marina, ma anche per il turismo e la sicurezza alimentare globale.

Queste minacce legate al clima si affiancano a sfide come la disinformazione, la concorrenza geopolitica e l’inflazione, secondo il rapporto sul rischio globale pericoli definitivi del 2024 e oltre.

Soluzioni primarie

La riduzione delle emissioni e l’adozione di iniziative credibili per una transizione pulita rappresentano la priorità assoluta nel contrastare i cambiamenti climatici, secondo il World Economic Forum. Le emissioni umane sono la leva più immediata per evitare o ritardare cambiamenti critici nei sistemi terrestri. Ritardare questi cambiamenti il più possibile darà alla civiltà il tempo di sviluppare strategie di adattamento e resilienza efficaci.

Una volta superato il punto di non ritorno climatico, i sistemi naturali della Terra rafforzeranno i cambiamenti, rendendo ancora più difficile affrontarli. Perciò, la seconda priorità è adattarsi efficacemente ai cambiamenti futuri. Questo richiede un ecosistema di soluzioni interconnesse per affrontare minacce alla vita umana, al paesaggio e alle proprietà.

Le soluzioni esistenti, come le politiche dell’UE per gli sfollamenti forzati, possono essere adattate e migliorate per gestire la migrazione di massa causata dai cambiamenti climatici. Inoltre, le innovazioni degli agricoltori africani nella gestione della siccità e delle inondazioni possono essere applicate anche in altre regioni del mondo per proteggere i raccolti.

È fondamentale che ogni programma di sviluppo sostenibile e ogni sistema sociale ed economico sviluppino approcci di resilienza. Possiamo imparare molto dalla natura e dalla sua capacità di adattarsi a estinzioni di massa precedenti attraverso la biomimetica. È importante, inoltre, mantenere un equilibrio tra realismo e ottimismo nell’affrontare la minaccia climatica. Un’eccessiva enfasi sui rischi può portare a risposte traumatiche che favoriscono l’inazione, mentre un ottimismo eccessivo basato solo su soluzioni tecnologiche future può essere ingannevole.

L’umanità si trova di fronte a una sfida senza precedenti, ma ha anche l’opportunità di plasmare il futuro del pianeta e garantire la sopravvivenza delle generazioni future.

adnkronos

News dal Network

Promo