Elezioni Usa 2024, Trump: “Musk? Non so se mi sosterrà”. E attacca Facebook

75 Visite

Donald Trump ha confermato di aver recentemente incontrato Elon Musk, ma dice di non essere sicuro che il miliardario sosterrà la sua candidatura alla Casa Bianca. “Non so, abbiamo rapporti amichevoli da anni – ha detto a Cbnc – l’ho aiutato, quando ero presidente lo ha aiutato”. “Mi piace”, ha detto ancora parlando del nuovo proprietario di X che negli anni si è posizionato sempre più a destra, poi aggiungendo però che “abbiamo ovviamente posizioni opposte su una questione minima, chiamata auto elettriche”. “Io sostengo le auto elettriche, ma dobbiamo avere anche tutte le alternative”, ha aggiunto l’ex presidente.

La notizia dell’incontro privato tra Trump e Musk era stata data la scorsa settimana dal New York Times, che notava come la campagna del tycoon è in grande svantaggio finanziario rispetto a quella di Joe Biden, considerando il fatto che i soldi vanno a coprire in gran parte alle sue spese legali.

L’ex presidente Usa: “Facebook è un nemico del popolo”

Considero Facebook un nemico del popoloinsieme ai media”. Donald Trump ha così attaccato Meta e ha ribadito che si oppone al divieto del social media che fa capo alla cinese ByteDance. “Ci sono un sacco di cose buone e un sacco di cose cattive con TikTok. Ma la cosa che non mi piace è che senza TikTok, Facebook sarebbe ancora più grande. Francamente ci sono molte persone che amano TikTok, un sacco di giovani che ne vanno pazzi, tantissimi utenti” ha detto intervistato da Cnbc. E a chi gli ricordava che quando era alla Casa Bianca definiva il social media una minaccia per la sicurezza nazionale, l’ex presidente ha detto di pensarlo ancora e che il governo deve proteggere “privacy e dati” degli americani. Ma poi ha aggiunto: “Se guardiamo ad alcune nostre società americana, non sono così americane, se la Cina vuole qualsiasi cosa da loro, loro la danno. Questo è anche un rischio per la sicurezza nazionale”. “Non voglio far raddoppiare Facebook, e se metti il bando a TikTok, Facebook e gli altri, ma soprattutto Fb ne beneficeranno”, ha aggiunto Trump che ha confermato di aver incontrato recentemente Jef Yass, importante finanziatore repubblicano e investitore in TikTok. Ma ha assicurato di non aver parlato del social media con Yass.

Mentre era presidente nel 2020, Trump aveva invocato il bando di TikTok e emesso un ordine per chiedere a ByteDance di disinvestire dal social negli Usa, ordine che poi era stato bloccato in tribunale. Facebook ha bloccato Trump nel gennaio 2021, dopo l’assalto al Congresso, come fecero gli altri social media. Media ha poi riammesso Trump lo scorso anno.

Adnkronos

News dal Network

Promo