Un’ameba nel cervello dopo lavaggi nasali sbagliati, 10 casi negli Usa

79 Visite

Un’ameba nel cervello dopo lavaggi nasali sbagliati. I Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani descrivono “10 casi di pazienti con infezione da Acanthamoeba non cheratite che hanno riferito di aver eseguito risciacqui nasali prima di ammalarsi”. Sono 7 uomini e 3 donne, “tutti immunocompromessi”, spiegano i Cdc. “La maggior parte faceva risciacqui da mesi o addirittura per anni e almeno la metà utilizzava acqua del rubinetto”, sottolinea l’autorità sanitaria che avverte: “Educare contro l’uso di acqua di rubinetto non bollita per il lavaggio nasale può essere efficace nel prevenire le infezioni invasive da Acanthamoeba, in particolare tra gli immunodepressi”.

Le infezioni si sono verificate dal 1994 al 2022, ma 9 si concentrano nell’ultimo decennio, si legge nel report. Dei 10 pazienti, in media 60enni (dai 32 agli 80 anni), 5 soffrivano di cancro e 2 erano malati di Aids. Sette sono sopravvissuti: “Un dato inaspettatamente alto – puntualizzano i Cdc – considerando il tasso di mortalità dell’infezione da Acanthamoeba”. L’infezione ha prodotto un insieme di condizioni che andava dalla rinosinusite alla malattia cutanea, dall’encefalite amebica granulomatosa all’osteomielite.

Pur precisando che il rapporto causa-effetto non è sicuro, ossia “non è stato stabilito con certezza che il lavaggio nasale sia la via di trasmissione in ogni caso” analizzato, i Cdc ribadiscono che soprattutto “le persone immunocompromesse dovrebbero essere educate a risciacqui nasali sicuri per prevenire infezioni da ameba”.

adnkronos

News dal Network

Promo