Calcio Italia, Spalletti: «Il comfort ci rende superficiali. Dobbiamo ancora affinarci e limare qualche concetto»

84 Visite

Arriva la nuova amichevole di questa mini tourné negli USA. Luciano Spalletti ha espressamente chiesto più attenzione da parte dei suoi calciatori, soffermandosi su come i dettagli possano fare la differenza in partite di questo genere. Il nuovo match appare sì alla portata degli azzurri, ma non da prendere sotto gamba o tantomeno disputarlo come lo scontro con il Venezuela. Queste le parole del ct della nazionale italiana:

«E’ sempre lo stesso discorso da un mio punto di vista. Qualsiasi occasione a livello professionale ti passa davanti va presa come quella che ti può far svoltare la vita, che ti può determinare una svolta nella vita. Per cui ti ci prepari bene a quello che vai incontro, non la vivi in maniera semplice da un punto di vista di preparazione, la vivi con cura, ti vai a informare, a preparare. Noi a volte sembra che non si sia così determinati per sfruttare l’occasione importantissima che abbiamo davanti. Quando metti questa maglia qualsiasi situazione può essere quella fondamentale, la devi vivere come qualcosa di eccezionale. Mentre poi se ci arrivi col comfort di quello che sei, di quello che c’è stato dato senza metterci mano ogni tanto vai in difficoltà perché gli altri si sono preparati e sono pronti a dare battaglia. Il Venezuela c’è montato addosso ogni volta, è un po’ la mentalità sudamericana: giocano ogni gara come fosse la finale di Coppa del Mondo. Noi sotto questo aspetto qui ancora arriviamo morbidi del comfort della vita che abbiamo e questo ci porta a commettere alcuni errori banali. Retegui è perfetto. Ha fatto un lavoro straordinario come finalizzazione, ma soprattutto ha fatto salire la squadra. Sui calci piazzati è venuto a levarci qualche bega perché poi è fisico, di testa è fortissimo. Dentro l’area di rigore sapevamo fosse così, ma poi gli va detto bravo anche per tutto il lavoro sporco che ha fatto con la squadra che da un punto di vista di impatto fisico era penalizzata rispetto a loro. E’ un cambio di sistema per conoscere anche cose differenti. Noi abbiamo diverse squadre che in Italia giocano così ed è un mettere più a loro agio alcuni calciatori.



Probabilmente nel primo tempo non siamo stati bravi da un punto di vista qualitativo a prendere il vantaggio che avevamo da un punto di vista tattico. Avevamo giocatori meno tecnici: quando nella ripresa abbiamo messo più tecnica siamo riusciti a condurre la partita nella direzione che volevamo. La squadra ha tentato di mettere in pratica ciò che avevamo detto e dal punto di vista dello sviluppo ho visto cose interessanti. Poi sempre un po’ di errori troppi banali, figli della leggerezza. Abbiamo perso troppi palloni in maniera leggera, ma questo ci serve per continuare a lavorare e migliorare. Nella prossima ci saranno Darmian e Dimarco, ci sarà Bastoni. La prossima volta. E’ un qualcosa su cui dobbiamo lavorare perché poi quando abbiamo così tanto possesso palla dobbiamo anche avere l’equilibrio per non permettere alla squadra avversaria di ripartire. E invece abbiamo subito qualche pallata su Rondon che poi è bravissimo a proteggerla e a fare un’azione, a rendere la palla giocabile e a creare la ripartenza. Serve per lavorare e io complessivamente sono contento di ciò che abbiamo fatto, poi ci sono particolari di cui dobbiamo parlare».



Foto: ANSA

News dal Network

Promo