Alperia, in 2023 ricavi a 2,5 mld, ebitda +20% a 328 mln

51 Visite

Sono “risultati economici molto positivi” quelli raggiunti nel 2023 dal Gruppo Alperia con un Ebitda pari a circa 328 milioni di euro (+ 20% rispetto al 2022) e un utile netto pari a circa 84 milioni di euro (+ 38%). I ricavi complessivi di Gruppo si sono attestati a circa 2,7 miliardi di euro, in calo rispetto all’anno scorso (- 25%), risentendo soprattutto della notevole riduzione dei prezzi delle commodities energetiche verificatosi nel corso del 2023: il prezzo medio dell’energia registrato presso la Borsa elettrica è infatti sceso da circa 304 euro/MWh del 2022 a circa 127 euro/MWh del 2023 (- 58%), valore in linea rispetto a quello fatto registrare nel 2021, annullando di fatto l’incremento record registrato nel 2022, in analogia con quanto osservato anche sulle altre principali borse elettriche europee. Per contro, in forte aumento rispetto all’anno precedente è risultata la produzione idroelettrica (+ 43%).

Gli investimenti relativi alla gestione ordinaria del Gruppo effettuati nel 2023 sono stati pari a circa 175 milioni di euro (nel 2022 erano risultati pari a circa 167 milioni di euro), in particolare nella distribuzione di energia elettrica per rafforzare la qualità e la continuità del servizio e nella generazione per l’ammodernamento delle centrali idroelettriche.

L’ indebitamento finanziario è sceso, a fine 2023, a 1.007 milioni di euro contro il dato di fine 2022, pari a 1.163 milioni di euro (- 13%) principalmente per la positiva performance del capitale circolante netto determinata, in primis, dalla progressiva riduzione del prezzo delle commodity energetiche rispetto ai valori di fine 2022.

Per quanto riguarda la capogruppo Alperia SpA, a fronte di un utile netto pari a circa 39,6 milioni di euro (nel 2022 il risultato era ammontato a circa 34,2 milioni di euro), il Consiglio di Gestione ha proposto la distribuzione ai soci di 34,0 milioni di euro a titolo di dividendi riferiti all’esercizio 2023, l’accantonamento di circa 2,0 milioni di euro alla riserva legale (come previsto dalla vigente normativa) e il riporto a nuovo dei restanti 3,6 milioni circa.

Inoltre, il Consiglio di Gestione valuta la possibile emissione obbligazionaria per il pubblico indistinto in Italia oltre che per investitori qualificati italiani e esteri. Il prestito obbligazionario in oggetto potrebbe avere un ammontare compreso tra 100 milioni e 250 milioni di euro ed una durata compresa tra 5 e 7 anni. Il taglio minimo di ciascuna obbligazione sarà di mille euro.

Il Direttore Generale Luis Amort ha commentato i risultati del Gruppo Alperia osservando come “nonostante un quadro geopolitico e un contesto di mercato altamente instabili, il Gruppo ha fatto registrare nel 2023 risultati molto positivi, a conferma della solidità gestionale e industriale raggiunta in questi anni e delle relative azioni adottate. Da un punto di vista finanziario, si rammenta l’importante operazione rappresentata dall’emissione del primo green bond pubblico quotato di Alperia avvenuta ad inizio luglio 2023 per un importo pari a 500 milioni di euro, confermando la strategia di sostenibilità del Gruppo volta alla decarbonizzazione. Circa quest’ultima, si ricorda che Alperia ha ricevuto nel 2023 importanti riconoscimenti, quali (i) la sua presenza, prima tra le imprese italiane, tra i leader della sostenibilità a livello europeo, comunicata dall’autorevole quotidiano Financial Times (ii) la valutazione Gold da parte di Ecovadis, primario istituto internazionale di valutazione ESG (iii) la sua partecipazione, su invito di Reuters, la più importante agenzia di stampa britannica, – in rappresentanza del private sector – alla United Nations Climate Change Conference (COP 28) per riferire sull’impegno e sulle strategie mirate al raggiungimento del Net Zero. Inoltre, Alperia continuerà i percorsi già intrapresi in tema di diversificazione della produzione di energia e di customer centricity”.

Per la Presidente del Consiglio di Gestione Flora Emma Kröss “il Gruppo Alperia ha confermato il proprio ruolo di attore primario a supporto dello sviluppo del territorio provinciale generando un valore aggiunto pari a circa 389 milioni di euro (valore record per il Gruppo)”.”A dimostrazione dell’attenzione del Gruppo verso la sua clientela in un contesto di prezzi dell’energia in discesa rispetto ai prezzi eccezionali del 2022, ma che si sono comunque mantenuti elevati se rapportati alla situazione pre Covid, il Gruppo – anche nel corso del 2023 – ha continuato a proporre ai clienti altoatesini, siano essi famiglie che imprese, offerte commerciali favorevoli” conclude la Kross.

adnkronos

News dal Network

Promo