Israele, Cia avverte: “Possibile attacco Iran imminente”. Oggi telefonata Biden-Netanyahu

56 Visite

La Cia avrebbe informato Israele che l’Iran potrebbe sferrare un attacco imminente contro il suo territorio, ovvero entro le prossime 48 ore. Lo riferisce il quotidiano arabo Al Mayadeen, secondo il quale alti funzionari della Cia avrebbero detto alle autorità israeliane che quello iraniano sarebbe un attacco combinato con droni e missili da crociera mirati a colpire punti strategici in Israele. L’obiettivo sarebbe comunque quello di dimostrare che gli iraniani sono in grado di rispondere alle sfide, ma stando attenti a non aggravare una situazione già particolarmente tesa.

A seguito della minaccia, Israele ha intensificato le interferenze sul segnale Gps nelle aree di Tel Aviv e Gerusalemme. Haaretz ha riferito che fin da ottobre l’Idf ha aumentato il disturbo dei sistemi di navigazione satellitari nella regione per cercare di contrastare gli attacchi di droni di Hamas e Hezbollah e ha confermato che Israele sta interrompendo i Gps “in modo proattivo per varie esigenze operative. I cittadini dovrebbero essere consapevoli che l’interruzione può causare effetti vari e temporanei sulle applicazioni basate sulla posizione”.

Finora le interruzioni del Gps si avvertivano soprattutto nel nord del Paese, dalla zona di Haifa fino al confine libanese, dove i navigatori mostravano agli utenti di trovarsi a Beirut. La stessa cosa è successa nel sud del Paese, dove i dispositivi hanno mostrato gli utenti al Cairo. Nell’ultima settimana il fenomeno è aumentato e anche i dispositivi a Gerusalemme e Tel Aviv mostrano che l’utente si trova al Cairo o a Beirut.

adnkronos

News dal Network

Promo