Primo autotrapianto di tessuto adiposo crioconservato in Italia

230 Visite

Primo caso, in Italia, di autotrapianto di tessuto adiposo crioconservato. Lo ha eseguito Damiano Tambasco, responsabile della Chirurgia plastica dell’ospedale San Carlo di Nancy di Roma, effettuando l’intervento lo scorso 4 aprile su una paziente che si era sottoposta ad una liposuzione a giugno 2023. “Questa tecnologia ha un potenziale enorme”, sottolinea Tambasco. Una tecnologia frutto del brevetto di una startup emiliana, che è riuscita dove molti prima avevano fallito: mantenere vitali a lungo le cellule del tessuto adiposo, tramite la crioconservazione, per poterle poi utilizzare a fini terapeutici. Grazie ad una partnership pubblico-privata tra Lipobank, società di ricerca e sviluppo nell’ambito della scienza criogenica tissutale, e Banca della cute della Regione Emilia-Romagna è possibile crioconservare il proprio tessuto adiposo.

“L’applicazione di questa tecnologia, anche nell’ambito della chirurgia plastica ed estetica, ha dei vantaggi senza precedenti – spiega Tambasco – La paziente che ho operato qualche giorno fa, che si era precedentemente sottoposta a un intervento di liposuzione all’addome, soffriva di ipoplasia del gluteo e aveva al viso una serie di cicatrici che le creavano forti disagi, perché molto evidenti. Grazie al tessuto adiposo crioconservato in occasione della liposuzione, è stato possibile, tramite un intervento poco invasivo ed effettuato con delle piccolissime cannuline, effettuare delle infiltrazioni nelle sedi ipoplasiche e cicatriziali”. Per il chirurgo, “il tessuto adiposo autologo rappresenta il miglior filler che ci sia perché è un riempitivo completamente naturale che non ha effetti collaterali, ma solo benefici”.

“La crioconservazione permette di effettuare un unico prelievo di grasso – prosegue – per poi utilizzarlo successivamente e rispetto ad altre tecniche presenta tutta una serie di vantaggi, primo fra tutti il fatto che il grasso innestato è assolutamente biocompatibile e sia prelievo che reimpianto avvengono mediante interventi poco invasivi. Inoltre, nella maggior parte dei casi per massimizzare i risultati e l’attecchimento è preferibile effettuare multipli impianti piuttosto che un unico innesto di grossi volumi (che andrebbe incontro ad un alto tasso di riassorbimento), pertanto, con questa metodica, oltre a essere possibili infiltrazioni multiple nel tempo queste risultano essere assolutamente poco invasive prescindendo dalla fase di prelievo”. I campi di applicazione sono molteplici: dall’ortopedia alla ginecologia, dalla cura delle ferite alla colonproctologia e, in centri altamente specializzati, anche la ricostruzione mammaria post-oncologica.

adnkronos

News dal Network

Promo