AstraZeneca costretta a rivelare i dati nascosti sugli effetti collaterali, ecco quali sono

156 Visite

L’azienda farmaceutica Astrazeneca (nota per sviluppato uno dei vaccini utilizzati durante la pandemia da Covid 19) sarà costretta a fornire tutte le informazioni legate agli effetti collaterali del farmaco. In Italia la notizia è stata riportata da Il Messaggero, che, in un articolo diffuso online, ricorda come il Tribunale regionale superiore di Bamberga (nel distretto dell’Alta Franconia, in Germania) abbia parzialmente accolto le richieste di una cittadina tedesca che ha fatto causa alla compagnia a seguito di quelle che sono state definite gravi complicazioni cliniche, riscontrate a seguito della somministrazione del vaccino Vaxzevria

Nello specifico, la donna ha sviluppato una trombosi venosa intestinale, una tipologia di coagulo sanguigno molto raro che l’ha portata in coma e ha reso necessario un intervento di rimozione di una parte del suo intestino. La paziente ha quindi deciso di intentare una causa contro il colosso farmaceutico, avviando l’iter giudiziario.

Le richieste sono molto significative: 250 mila euro per lo stato di profonda sofferenza che la donna ha dovuto subire, una richiesta da 17 mila euro si aggiunge poi per i mancati introiti generati dal suo lavoro a causa della convalescenza e oltre 600 mila euro per tutti i problemi futuri che potrebbero scaturire in seguito ai problemi di salute pregressi. Il tribunale tedesco ha quindi chiesto ad Astrazeneca di rendere noti tutti i dati relativi ai casi di trombosi con sindrome trombocitopenica.

News dal Network

Promo