India al voto, Armellini: “Grande democrazia? Con Modi punto interrogativo”

72 Visite

L’India resta un grande Paese, ma non è detto che resterà una grande democrazia. Alla vigilia della prima tornata elettorale nel gigante asiatico – dove da domani al primo giugno poco meno di un miliardo di elettori andrà a votare in 28 Stati federali e otto territori – l’ex ambasciatore italiano a Nuova Delhi, Antonio Armellini, parla con l’Adnkronos dell’India di Narendra Modi, che si avvia al suo terzo mandato, dopo dieci anni già al governo.

Con il leader del Bjp “l’India è molto cambiata, è cresciuta economicamente, è migliorata al suo interno, il programma di investimenti sulle infrastrutture ha portato risultati ed il sistema finanziario è stato ammodernato”, riconosce Armellini. Che tra i ‘meriti’ cita “la presa sull’elettorato, che si è ampliato e non è più solo quello tradizionale del Bjp”, il partito dei commercianti e degli imprenditori.

Parallelamente, osserva l’ex ambasciatore, “la stretta autoritaria del governo Modi è diventata sempre più opprimente, figlia di un controllo e di un meccanismo del consenso molto sofisticati”, mentre l’opposizione divisa e frammentata “è in difficoltà nel trasmettere un qualche tipo di messaggio che possa essere recepito dagli elettori”.

L’India cresce “ma crescono anche le diseguaglianze”, sottolinea ancora Armellini, mentre si avvia a diventare “una democrazia autoritaria sempre più lontana dal modello che ne aveva fatto un unicum nel continente asiatico, una grande democrazia liberale, figlia del pensiero politico del 19mo secolo, che aveva avuto anche Giuseppe Mazzini tra gli ispiratori della lotta per l’indipendenza”. “L’India laica, tollerante, multietnica, rispettosa dello stato di diritto non è l’India di Modi, fortemente identitaria – ragiona l’ex ambasciatore – L’India è un grande Paese, ma che resti una grande democrazia è un punto interrogativo”.

Quanto alla politica estera di Nuova Delhi, che “ha una percezione di sé come grande potenza sullo stesso piano di Stati Uniti e Cina, il punto da cui partire è che l’India non ha alleanze, ma relazioni, è partner di molti, ma nel proprio interesse”. Che è quello di “grande potenza autonomia con due punti di riferimento imprescindibili: il contrasto con la Cina e il conflitto con il Pakistan”, spiega Armellini. E chi, “come a tratti cercano di fare gli Stati Uniti, pensa di poterla legare in una vera e propria alleanza, rischia di restare fortemente deluso”.

Infine l’ex ambasciatore si dice convinto che Nuova Delhi abbia “una maggiore capacità di attrazione per diventare il punto di riferimento del Sud globale”, in particolare rispetto a Pechino, che agli altri Paesi “richiede di schierarsi”, laddove l’India ha un approccio meno identitario.

adnkronos

News dal Network

Promo