Jorit e il murale di Mariupol: “Lo distruggono? Era previsto”

75 Visite

La distruzione del mio murales a Mariupol era una cosa programmata, quindi non mi ha sorpreso. Già mentre lo facevo sapevo che avrebbe avuto una durata limitata. Anzi, semmai è durato molto più di quanto era programmato, perché mi avevano detto che sarebbe andato via quasi subito. Forse, a questo punto, l’hanno fatto durare appositamente di più”. A dirlo in un’intervista all’Adnkronos è lo street artist Jorit, che commenta i video e le immagini che circolano sui social e raffigurano l’inizio della ‘distruzione’ del murales che l’artista napoletano ha realizzato nella città di Mariupol. L’opera, che occupa l’intera facciata di un palazzo della città del sud – est dell’Ucraina, è stata al centro di molte polemiche: rappresenta il volto di una bimba del Donbass, con i colori della bandiera russa dipinti nelle iridi e circondata da due missili con la scritta Nato.

“Anche se ora verrà distrutto, il murale è sicuramente servito per accendere i riflettori e sollevare la questione – spiega l’artista, al secolo Ciro Cerullo -. Sono orgoglioso che si sia parlato dei bambini del Donbass e dei suoi cittadini, che sono esclusi da qualsiasi decisione politica, non vengono considerati proprio come entità, il loro volere è completamente escluso, come se non esistessero. Loro non vogliono stare con Kiev. Le opere d’arte a volte sono come degli incendi, il vento li diffonde e anche se vengono spenti sono comunque serviti a qualcosa”. Ora che il murale non ci sarà più, “mi piacerebbe farne un altro, se ci saranno le condizioni. Ma è già stato molto difficile fare quello, l’abbiamo fatto in condizioni veramente precarie, abbiamo dormito in un rifugio con degli sfollati, in mezzo agli scarafaggi. Una cosa pesante, non so se sarebbe possibile farne un altro, ma se fosse possibile lo rifarei”.

Infine, Jorit fa una riflessione più generale: “Colgo l’occasione per sottolineare che tutti i bambini nelle guerre dovrebbero essere sempre considerati -scandisce-. In questi ultimi anni di guerra leggevo che sono morti 220 bambini ucraini, e a Gaza nel giro di pochi mesi ne sono morti quasi 11mila. C’è come sempre un doppio standard: alcuni bambini sono più importanti di altri, alcuni vengono utilizzati per degli interessi geopolitici, altri non fanno testo ed è come se non esistessero. Questo non dovrebbe più accadere”, è il monito di Jorit.

adnkronos

News dal Network

Promo