Polonia apre a armi nucleari Nato. Russia: “Così è scontro”

71 Visite

Armi nucleari in Polonia: l’ipotesi basta e avanza per alzare il livello di tensione nel quadro internazionale dominato dalla guerra tra Ucraina e Russia. Varsavia si dice pronta ad ospitare le armi nucleari della Nato, nell’ambito del piano di rafforzamento del fronte orientale dell’Alleanza, e Mosca replica subito. Il tema potrebbe tornare d’attualità in queste ore, con l’annunciata visita di Jens Stoltenberg a Varsavia.

Il segretario generale della Nato vedrà il primo ministro polacco, Donald Tusk. Nella capitale della Polonia sarà presente anche il premier britannico Rushi Sunak, uno dei principali alleati europei dell’Ucraina.

Il summit potrebbe essere l’occasione per approfondire i concetti tratteggiati dal presidente polacco Andrzej Duda, che ha aperto all’ipotesi di dispiegare armi nucleari ‘targate Nato’ sul territorio polacco. L’operazione sarebbe una risposta al dispiegamento degli armamenti della Russia nella vicina Kaliningrad e in Bielorussia, come ha spiegato il Capo dello Stato in un’intervista a un quotidiano locale ‘Fakt’: “Se i nostri alleati decidono di schierare armi nucleari nel quadro della condivisione nucleare sul nostro territorio per rafforzare la sicurezza del fianco orientale della Nato, siamo pronti a farlo”.

La Polonia confina sia con l’exclave russa di Kaliningrad che con la Bielorussia, alleata della Russia. Duda è reduce da un viaggio negli Stati Uniti, ha avuto incontri presso l’Onu e ha discusso della guerra in Ucraina con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. A marzo ha visitato Washington, dove ha incontrato il presidente Joe Biden. I legami con gli Usa, quindi, sono sempre più solidi e le interlocuzioni sono frequenti: le discussioni sulla cooperazione nucleare tra Polonia e Stati Uniti sono in corso “da qualche tempo”, ha detto. “Devo ammettere che quando mi è stato chiesto di parlarne, ho dichiarato la nostra prontezza. La Russia sta militarizzando sempre più il distretto di Kaliningrad. Recentemente ha trasferito le sue armi nucleari in Bielorussia”, ha sottolineato ancora.

L’apertura della Polonia, ovviamente, non è passata inosservata a Mosca. La Russia deve fare i conti già con l’allargamento della Nato a Svezia e Finlandia. Ora, Vladimir Putin rischia di vedere armi nucleari non lontano dal proprio territorio. Un ulteriore elemento di allarme per il Cremlino, in un quadro già caratterizzato dalla decisione americana di inviare armi e aiuti militari all’Ucraina per 61 miliardi di dollari. “Oggi gli Stati Uniti e i loro stati clienti della Nato sognano ancora di infliggere una ‘sconfitta strategica’ alla Russia e sono pronti a portare avanti la loro politica di deterrenza verso il nostro Paese ‘fino all’ultimo ucraino’. Allo stesso tempo, l’Occidente si trova sull’orlo pericoloso di uno scontro militare diretto tra le potenze nucleari, che potrebbe avere conseguenze catastrofiche”, ha detto il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov.

Secondo il massimo diplomatico russo è particolarmente preoccupante il fatto che le tre potenze nucleari occidentali siano tra i principali sponsor del regime di Kiev e tra i principali promotori di diverse mosse incendiarie. “Ciò potrebbe creare seri rischi strategici e aumentare il livello della minaccia nucleare”, ha osservato Lavrov.

adnkronos

News dal Network

Promo