Sorriso ‘social’ perfetto e subito, è boom per le faccette sui denti anche a 14 anni

255 Visite

Un sorriso perfetto e candido, senza l’ombra di un difetto, da sfoggiare sui social rapidamente senza aspettare, per eventuali correzioni, i tempi spesso lunghi di cure ortodontiche comunque meno ‘spettacolari’. C’è questo dietro l’aumento di richieste per l’applicazione delle cosiddette ‘faccette dentali’, che rivestono il dente e che permettono di avere un risultato estetico “ottimale, con uno standard elevatissimo, grazie alle tecnologie e ai materiali di cui disponiamo oggi”. E l’età di chi le richiede “si sta molto abbassando, parliamo anche di 14-15 anni”. Un fenomeno non senza rischi, “se la scelta non viene fatta con la necessaria valutazione dell’odontoiatra”, spiega all’Adnkronos Salute Raoul D’Alessio, noto professionista della capitale che è anche docente del master della Società italiana di odontoiatria forense (Siof) dedicato all’etica della professione. E convito assertore “dell’estetica, in odontoiatria e non solo, che è fortemente legata all’etica, nella sua corretta applicazione”.

Il social, “con la necessità di mostrare la propria immagine tanto perfetta da rasentare l’irrealtà – continua D’Alessio – sono sicuramente all’origine di questo aumento di richieste, cresciute negli ultimi 5 anni di un buon 30%. Per molti sono particolarmente importanti, infatti, gli elementi di rapidità della ‘correzione del sorriso’ con questa metodologia, che grazie all’elevato miglioramento tecnologico, oggi può permettere l’applicazione delle faccette in 2 sedute, con uno standard estetico elevatissimo”.

In generale, quindi, precisa l’odontoiatra, “rappresentano una soluzione assolutamente innovativa. Con le nuove tecniche, usando le faccette in zirconio, in soli 0,2 millimetri e con una preparazione poco invasiva, che non danneggia lo smalto, è possibile avere un dente praticamente perfetto. Si tratta di una soluzione utilissima per la correzione dei denti in caso di discromie, rotture, spazi irregolari, denti malformati o irregolari”.

Tecniche molto ‘performanti’ dunque, scelte però anche in casi in cui potrebbero essere necessarie, invece, cure ortodontiche più lunghe. “Questa ricerca di un risultato più immediato fa sì che alcune volte non vengano fatte le necessarie analisi e approfondimenti sulla salute della bocca. Il paziente si accontenta dei soli risultati estetici. E questo può avere conseguenze legate ai mancati interventi funzionali. In nome dell’immediatezza e della perfezione (indotta da immagini spesso irrealistiche proposte in rete) si rischia di fare danni involontari, utilizzando tecniche non adatte al caso”, aggiunge D’Alessio che è anche coordinatore nazionale dei presidenti provinciali del Sindacato unitario specialità ortodonzia (Suso).

Le faccette possono essere di diversi materiali, con costi diversi, quelle di ceramica, ormai ‘datate’ rispetto ai nuovi prodotti, costano, ognuna, dai 600 ad oltre 1.500 euro. “Ma si può arrivare a oltre 2mila euro l’una se parliamo di faccette digitali, ultrasottili in zirconio. Ovviamente si può usare un solo elemento per una discromia. Ma la linea più diffusa è coprire da canino a canino, sopra e sotto, quindi 12 denti”, conclude l’esperto.

adnkronos

News dal Network

Promo