Il Codacons contro Vannacci presenta esposti in 104 Procure

85 Visite

Il Codacons contro Vannacci. L’associazione dei consumatori ha presentato un esposto a 104 Procure della Repubblica, in tutta Italia, in merito alle dichiarazioni del Generale in tema di scuola a disabilità, chiedendo alla magistratura di aprire una indagine alla luce di possibili fattispecie penalmente rilevanti come quella di “Propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa”.

“Non vogliamo entrare nel merito delle scelte politiche del Generale, e in tale sede non contestiamo la sua candidatura alle prossime elezioni europee né intendiamo interferire sulle preferenze di voto degli italiani – chiarisce il Codacons – Tuttavia alcune affermazioni attribuite a Vannacci, per la loro gravità e pericolosità, impongono un intervento della magistratura volto ad accertare se le stesse possano costituire un reato così come previsto dal nostro ordinamento.

“In particolare desta allarme la frase sulle classi separate per i disabili – scrive il Codacons nell’esposto – Sembrerebbe che, secondo il Generale, i disabili debbano stare separati dagli studenti più fortunati di loro, e addirittura andrebbero costituite classi separate in modo da consentire la valorizzazione delle capacità di ciascuno. La dichiarazione in questione si contrappone a quanto stabilito dalla legge 517/77 che propone con chiarezza strumenti e finalità per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Un ragionamento del genere appare discriminatorio e sembrerebbe a tutti gli effetti una propaganda di idee fondate sulla superiorità. Come noto condotte di questo tipo possono essere idonee a integrare il reato previsto dall’art. 604 bis c.p., rubricato “Propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa”.

La Convenzione sui Diritti delle persone con Disabilità stabilisce i requisiti di base per i diritti delle persone con disabilità ed ha un carattere giuridicamente vincolante. Il suo scopo è di promuovere, proteggere e garantire il pieno e uguale godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, e promuovere il rispetto per la loro intrinseca dignità”.

Il Codacons ha dunque chiesto a 104 Procure di tutta Italia di predisporre i controlli necessari per accertare in primis la rispondenza alla realtà dei fatti riportati dai media e lo svolgimento dei necessari e rigorosi accertamenti e verifiche per accertare la possibilità di configurarsi di fattispecie quali il reato previsto dall’art. 604 bis c.p. e ogni fattispecie criminosa che venisse individuata.

agi

News dal Network

Promo