L’invio di soldati in Ucraina, cosa dice l’Italia

192 Visite

Emmanuel Macron unisce Matteo Renzi e Matteo Salvini. Il presidente della Francia, a The Economist, non esclude l’invio di soldati in Ucraina: la presenza di truppe occidentali, dice il capo di stato, sarebbe legata ad una situazione particolare. “Se i russi dovessero sfondare le linee del fronte, se ci fosse una richiesta ucraina – cosa che oggi non avviene – dovremmo legittimamente porci la domanda”, dice Macron con dichiarazioni che, ovviamente, alimentano un dibattito articolato.

“L’Italia ha una posizione equilibrata” e “pur sostenendo il diritto dell’Ucraina a rimanere un Paese libero, l’Italia non è in guerra con la Russia e mai invieremo militari italiani”, dice il vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani intervenendo al Tavolo di lavoro per le imprese italiane in Russia.

Più ‘frizzanti’ le reazioni di altre figure politiche e istituzionali. “Mai un soldato italiano a morire nel nome di Macron. Io la penso così”, scrive sui social Matteo Salvini, leader della Lega, ribadendo una posizione netta, in dissenso dalla linea del presidente francese. Con sfumature diverse, le parole di Macron vengono bocciate anche da Matteo Renzi. “Macron? Un passo avanti eccessivo e azzardato. Non lo condivido. Il problema non è inviare le truppe. L’Europa deve mandare avanti il progetto di difesa comune e esercito comune europeo ma ci vuole anche una politica diplomatica più forte”, dice il leader di Italia Viva a Metropolis sul sito di Repubblica.

adnkronos

News dal Network

Promo