Cooperante palestinese a Rafah: ”La gente è impazzita e non sa dove andare”

57 Visite

A Rafah ”la gente è impazzita, non sa più dove andare”. E’ ”una situazione gravissima” quella che il cooperante palestinese Sami Abu Omar descrive ad Adnkronos dopo ”l’annuncio da parte dell’esercito israeliano di voler invadere Rafah”. Lui, come moltissimi altri, a Rafah aveva trovato rifugio insieme alla famiglia dopo che a dicembre era stato costretto a lasciare la sua casa a Khan Yunis, poi distrutta nei raid israeliani. Oggi ha visto arrivare ”i volantini lanciati su Rafah dai droni per chiedere a chi si trovava a est di Rafah di andare verso ovest”. Ovvero, ”hanno chiesto a centomila persone che si trovano a est di Rafah di andare verso la zona vicino al mare”. Ma, spiega, ”si tratta di una zona già strapiena di gente, dove sono concentrate quelle persone che sono venute dal nord, da Gaza city e da altre città” dell’enclave palestinese. ”Sono a Rafah e vedono persone che vanno avanti e indietro, c’è molto traffico, davvero non si sa che fare”, aggiunge.

L’ordine di evacuazione arrivato oggi è stato quindi un colpo durissimo per persone che già avevano partecipato a un ”esodo di massa” nei mesi scorsi. Inoltre, ”oggi i prezzi sono saliti alle stelle – racconta il cooperante – Se ieri le speranze di una tregua avevano portato a un grande calo dei prezzi, con un sacco di farina che costava 10 shekel, dopo l’annuncio di un’invasione vicina lo stesso sacco di farina costa adesso 100 shekel. Lo stesso vale per il gasolio, ieri costava 20 shekel al litro, oggi 50”.

adnkronos

News dal Network

Promo