Estonia valuta l’invio di truppe a Kiev

50 Visite

Non solo la Lituania, c’è un altro paese pronto a inviare soldati in Ucraina. Anche il governo dell’Estonia sta infatti “seriamente” valutando la possibilità di inviare truppe nella parte occidentale del Paese per dei ruoli non di combattimento, nelle “retrovie” in modo da poter liberare truppe ucraine da inviare al fronte in un momento cruciale della guerra.

La Russia ha lanciato un’offensiva nella regione di Kharkiv, con l’obiettivo di creare una zona cuscinetto per isolare i propri territori dagli attacchi di Kiev. L’obiettivo di Mosca è anche spingere l’Ucraina a riposizionare uomini e mezzi attualmente schierati sul fronte orientale, che diventerebbe più attaccabile dagli invasori.

La posizione estone è stata illustrata al portale Breaking Defense da Madis Roll, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Alar Karis: per quanto Tallinn preferirebbe fare qualsiasi mossa nell’ambito di una piena missione Nato – “per mostrare una più ampia forza combinata e determinazione” – non si esclude la possibilità di partecipare ad una coalizione più piccola.

Lituania e soldati a Kiev, cosa ha detto la premier

Il messaggio dell’Estonia arriva a pochi giorni dal segnale inviato da un altro paese baltico. La premier della Lituania Ingrida Simonyte aveva reso noto l’8 maggio scorso di essere pronta a inviare i suoi militari in missione di addestramento in Ucraina. La presa di posizione del paese baltico era arrivata malgrado le minacce di Mosca: il ministero della Difesa aveva infatti annunciato esercitazioni nucleari tattiche ordinate da Vladimir Putin in risposta alle dichiarazioni sull’invio di truppe da parte di Emmanuel Macron.

La linea Macron, il ‘no’ dell’Italia all’invio di truppe

Il presidente francese, dopo le prime esternazioni di febbraio, negli ultimi giorni è tornato a prospettare l’ipotesi di inviare soldati in Ucraina se la Russia dovesse sfondare la linea del fronte e se Kiev dovesse chiedere apertamente il sostegno diretto dei partner occidentali: si tratta di due condizioni, ha evidenziato Macron, che allo stato attuale non si sono concretizzate.

In una intervista al Financial Times, Simonyte ha spiegato che “se pensassimo solo alla risposta di Mosca, non invieremmo nulla. Una settimana sì e una no, si sente parlare di attacchi nucleari contro qualcosa”. L’Ucraina non ha chiesto alla Lituania come ad altri Paesi in modo ufficiale di poter ricevere soldati di Paesi alleati sul suo territorio.

Numerosi paesi hanno intanto detto e ribadito che non invieranno personale militare in Ucraina. L’Italia ha chiarito ripetutamente la propria posizione in relazione al dibattito. “Non manderemo nessun militare italiano in Ucraina. Ho appena terminato una riunione con tutti i nostri ambasciatori delle aree di crisi: Ucraina, Medio Oriente, Mar Rosso. Ho ribadito la nostra posizione in difesa dell’indipendenza territoriale dell’Ucraina ma non siamo in guerra con la Russia”, ha detto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani.

adnkronos

News dal Network

Promo