Celebrate le prime nozze tra cani con torta, prosecco, fedi e bomboniere. I chihuahua Pepe e Nana uniti in matrimonio

74 Visite

Pepe ha 10 anni, Nana un anno. Vivono sotto lo stesso tetto in un’abitazione di Campobasso, sono entrambi cani di razza chihuahua e, da due giorni, sono anche “marito e moglie”. Sono i primi cani, in Italia, che si sono sposati. Un matrimonio vero, il loro, che si è svolto venerdì 26 aprile nella bella cornice dell’hotel Coriolis, struttura gettonata per le nozze umane ma anche pet friendly, quindi particolarmente gradita ai proprietari di animali da compagnia.

Qui, sui prati verdi dove sono state allestite tavole imbandite e poltroncine bianche, alla presenza di un folto gruppo di invitati con cani al seguito, Pepe e Nana si sono giurati amore smangiucchiando biscotti a forma di osso dai colori pastello e bevendo prosecco (da cani, ovviamente) in due calici, sul tavolo nuziale.

Una cerimonia vera, organizzata dalla entusiasta padrona con tanto di torta nuziale (per cani), spumante (per cani), confettata finale (per cani) e fedi. Anzi, ghirlande di fiori bianchi a rappresentare la fedeltà tra i due animali, sulla cui convivenza nessuno avrebbe scommesso nemmeno un centesimo. Quando Nana è arrivata, cucciola, il maschio ha dato tutte le dimostrazioni del caso di non amare per nulla quella presenza nel suo spazio. “Ma ha prevalso la reciproca attrazione, alla fine si sono piaciuti, e si sono piaciuti al punto da diventare inseparabili”. A parlare è Gianna Spina, titolare di un negozio specializzato in articoli per animali a Campobasso ma soprattutto cinofila che ha avuto un ruolo decisivo nelle nozze tra chihuahua. Ha celebrato lei il matrimonio, seguito anche dalle telecamere de La Vita in Diretta e dalla giornalista – che i molisani hanno avuto modo di conoscere e apprezzare durante i suoi anni alla TgR Molise – Monica Raucci, rilanciando con forza un messaggio  di sensibilizzazione ai diritti egli animali e all’amore di cui i cani sono capaci, sia tra loro che a beneficio degli esseri umani.

“Magari a molto sembrerà una cosa assurda e inopportuna – racconta Gianna – ma il matrimonio di Pepe e Nana è stato un evento per richiamare l’attenzione sui diritti degli animali e per offrire una occasione di riflessione positiva in un periodo in cui si parla di cani come di animali che aggrediscono, in cui i cani sono percepiti anche mediaticamente come animali che uccidono. Non è così, i cani sono quello che i padroni insegnano loro ad essere”, aggiunge, con un riferimento chiaro alla recente vicenda di cronaca accaduta a Eboli, dove un bambino di tredici mesi è stato sbranato dai pitbull.

Perciò spazio alla bellezza che gli animali e i cani rappresentano per gli umani, e grande festa a Campobasso per l’unione dei due chihuahua. Lei con rose rosa appuntate sul pelo, lui elegantissimo in frac, sono stati accompagnati all’ “altare”, cioè sulla tavola nuziale, e hanno brindato attingendo ai calici di prosecco dopo il discorso di Gianna, con due testimoni di eccezione: il barboncino Tito e la meticcia Trilly.

Presenti tutti gli amici della famiglia con i rispettivi animali, rigorosamente vestiti a festa, ai quali è stato offerto un buffet specifico per gli animali, mentre gli amici umani dei festeggiati hanno portato le foto dei due chihuahua – che hanno trascorso la notte precedente in camere separate come da tradizione – da single. Un fotografo e un reporter ufficiali hanno documentato l’evento. Gli invitati hanno invece scattato foto e girato video con gli smartphone. Uno – che vi proponiamo qua –  è stato assemblato per i social e mostra gli eventi salienti della cerimonia, che passa alla storia come le prime nozze tra cani che si ricordino in Italia.

Fonte: https://www.primonumero.it/

News dal Network

Promo