Calma e sangue freddo

80 Visite

C’è una notizia che sta serpeggiando tra i “complottisti in erba”, in ogni dove, ponendo l’interrogativo:

“Ci sarà un blackout totale dell’energia e di internet che si risolverà in poche ore o in pochi giorni, a partire da oggi 24 maggio”?

Ovviamente è una pura illazione che nessuno può corroborare. È una profezia annunciata in uno stile metaforico e anche un po’ esoterico.

Potrebbe anche contenere alcune verità oscurate dalle velate e capziose minacce che si attribuiscono alle macchie solari in agitazione, in questo periodo. Non c’è alcuna prova, ad oggi, per escludere alcuna evenienza di domani. Così come si potrebbe attribuire alla nostra stella in fermento la colpa di oscure macchinazioni massoniche, dicono quelli che la sospettano.

Da mesi si adombra l’ipotesi che l’attuale costruzione del nuovo mondo, nell’agenda di coloro che lo manovrano, sia stata organizzata in fasi successive e tra loro conseguenti.

C’è chi prevede tre fasi e chi addirittura cinque. Tutto si basa sul meccanismo dell’ipnosi collettiva.

Abbiamo novelli araldi, come Ornella Mariani, che proclamano formule elettorali restrittive finalizzate all’astensionismo elettorale, e messaggeri di congiure artate da antiche massonerie statunitensi e anglosassoni, come Barbara Banco.

Chi crede ai falsi profeti ‘propalatori di verità’ è portato alla rassegnazione e a farsi assalire dalla disperazione.

Altri, pur confidando in parte nella probabile regia dei banchieri mondiali, non cederanno alla lusinga balneare dell’astensionismo, propugnato dalla prima, né si riterranno degli oggetti immateriali, soltanto perché la seconda lo sostiene riferendo di arcane alleanze enigmatiche, siglate in presunti Trattati massonici, la cui validità risiede esclusivamente nella credulità dei pochi che abboccano.

È proprio quello lo scoramento che un sistema perverso vuole infondere, costruendo tali immagini distopiche che, in questi anni di terrorismo, tende ad alterare la percezione personale della dignità e della sovranità personale di chi si ritiene, a giusta ragione, un essere umano senziente e consapevole, non rispecchiandosi nella definizione di cui sopra.

Manteniamo la calma con quel pragmatismo compassato che ci preserverà dalla “infiammazione psicologica” che vorranno eventuale causare i burattinai preconizzati dalle suddette due signore.

Le tendiniti non vengono per il trauma subito, ma per la reazione infiammatoria che ‘brucia’ i tessuti interessati. Quindi, non ci cuociamo nel nostro ‘brodo’, come il “polpo nell’acqua sua”!

Vediamo che anche la gente più consapevole sta cedendo all’impulso crescente di litigare con i propri amici, perché è affetta dalla malattia ‘dell’esasperazione di vivere’, che è il male di questi tempi. Non ci sopportiamo da soli e paradossalmente ce la prendiamo con il primo che capita, che è la persona più vicina a noi, spesso la più amica alla quale scarichiamo le colpe dei nostri affanni.

Anche questo effetto potrebbe essere stato disegnato ad arte per dare spazio a nuove dittature mondiali che si starebbero profilando, con sottile protervia, dietro le istituzioni mondiali come l’Organizzazione mondiale della sanità, contando sull’isolamento e sulla conseguente debolezza sociale.

I nuovi dittatori potrebbero essere persone influenti, Organizzazioni, prestanome o ‘Avatar’ somiglianti alle persone reali. Ciò che appare probabile è che dovranno assumere le sembianze di un martire, vero o clonato con i medesimi connotati.

Si potrebbe palesare addirittura un personaggio invocato universalmente, che sia massimamente rappresentativo dell’agognato riscatto collettivo come è, per esempio, Julian Assange!

Il Prescelto avrà il compito di cambiare radicalmente il mondo, nel Bene o nel Male.

Successe in Sudafrica che quel ‘mondo’ cambiò con l’abolizione dell’apartheid sotto l’egida di un martire come Nelson Mandela, anch’egli incarcerato per molti anni.

Queste ‘bandiere umane’ sono funzionali al suggello di uno stato rinnovato attraverso il vessillo che incarnano nella loro storia di martirio.

Sono tempi di svolte epocali che solo le persone più intelligenti supereranno. Non le più colte e titolate, ma sopravvivranno quelle che sapranno ponderare le azioni prima di metterle in opera, anche nelle piccole cose di ogni giorno.

Tutti ci potranno riuscire solo se non daranno in escandescenza, qualsiasi cosa succeda.

‘Calma e sangue freddo’ per non scaldare la pietanza che ci stanno cucinando i banchieri mondiali indebitando gli Stati con il territorio, come il nostro, sulla fiamma della Moneta a debito.

Loro non hanno un territorio geografico, ma hanno una ricchezza sterminata spendibile, non reale perché accumulata sui numeri. È quella sottratta alla gente che se la suda col lavoro

Il Sole non è senza macchia. In questo periodo, però, è senza paura!

Se ci sarà il blackout, si porrà la domanda: “ E’ solo il Sole o sono i soliti a isolarci?”

A pensare male si fa peccato, ma che peccato sarà se non ci penseremo per tempo!?

News dal Network

Promo