Russia ammassa soldati a Belgorod: ecco perché, la strategia

57 Visite

La Russia ammassa soldati e mezzi nell’area di Belgorod in preparazione di nuove operazioni della guerra in Ucraina. Mosca sta concentrando forze di dimensioni non specificate nell’oblast occidentale vicino al confine con l’Ucraina, “probabilmente per attrarre e attirare le forze ucraine nell’area e prepararsi per operazioni offensive che mirano ad espandere il punto d’appoggio russo nell’area di confine internazionale nel nord-est del territorio ucraino”, è il quadro delinato dall’Institute for the Study of the war (Isw), il think tank americano che monitora quotidianamente il conflitto.

Riferendosi alle parole di Volodymyr Zelensky – secondo cui le forze russe si stanno preparando per nuove azioni offensive e stanno concentrando un gruppo di dimensioni non specificate vicino al confine ucraino, 90 chilometri a nord-ovest della città di Kharkiv – gli analisti del think tank desumono che il presidente ucraino sembri riferirsi “all’area Grayvoron-Borisovka-Proletarskiy, nell’oblast occidentale di Belgorod, citando a supporto della loro tesi le immagini satellitari che suggeriscono che le forze russe hanno ampliato nelle ultime settimane le attività presso depositi e magazzini negli insediamenti della zona”.

“Tuttavia – chiarisce l’Isw – l’attuale dimensione della possibile concentrazione delle forze russe nell’area Grayvoron-Borisovka-Proletarskiy rimane poco chiara. Il rappresentante del servizio statale di frontiera ucraino Andrei Demchenko ha dichiarato il 26 maggio che le forze russe potrebbero lanciare operazioni offensive nell’oblast di Sumy o nelle aree dell’oblast di Kharkiv confinanti con l’oblast di Sumy al fine di estendere e sistemare le forze ucraine ulteriormente lungo l’area di confine internazionale nell’Ucraina nordorientale”.

“L’area Grayvoron-Borisovka-Proletarskiy – secondo gli analisti – offrirebbe in particolare alle forze russe l’opportunità di lanciare operazioni offensive a sud in direzione di Zolochiv e Bohodukhiv, due città ucraine a nord-ovest della città di Kharkiv entro 25 chilometri dal confine internazionale, o a ovest in direzione di insediamenti lungo l’autostrada P-45 che collega Bohodukhiv con Sumy City. Le forze russe potrebbero perseguire operazioni offensive in una o entrambe le direzioni, e la concentrazione russa qui potrebbe essere intesa a indurre le forze ucraine a impegnare uomini e materiali in una sezione più ampia del confine nelle oblast di Kharkiv e Sumy”.

“Le forze russe stanno inoltre concentrando forze limitate negli oblast di Kursk e Bryansk vicino al confine con l’oblast di Sumy”, rileva l’Isw, aggiungendo che “anche concentrazioni limitate nelle aree potrebbero mirare a ottenere il probabile effetto desiderato di attirare e sistemare ulteriormente le forze ucraine nell’area di confine internazionale. Le forze russe stanno attualmente portando il Raggruppamento di forze settentrionale nell’area di confine internazionale alla sua potenza bellica finale pianificata e probabilmente lanceranno solo operazioni offensive limitate lungo l’asse Sumy-Kharkiv finché il Raggruppamento di forze settentrionale non raggiungerra il suo massimo livello di forza”.

“Anche le limitate operazioni offensive russe in queste aree – conclude l’Istituto americano – aggiungeranno pressione e richiederà personale e materiale ucraini lungo un fronte più ampio e forse consentirà alle forze russe di stabilire punti d’appoggio tattici per supportare le operazioni successive a nord-ovest della città di Kharkiv o in direzione della città di Sumy. Tuttavia, il Raggruppamento di Forze del Nord, anche al limite superiore della sua forza finale dichiarata, non avrà il personale necessario per condurre con successo un’operazione per avvolgere, accerchiare o conquistare le città di Kharkiv o Sumy”.

adnkronos

News dal Network

Promo