L’elicottero del Presidente Iraniano Raisi

64 Visite

Una fonte della sicurezza Israeliana conferma che il Mossad (servizi segreti) ha abbattuto l’elicottero del Presidente Iraniano.

Il giornalista indipendente Richard Silverstein scrive: “L’assassinio di Raisi e dei suoi soci è stato approvato non solo da Netanyahu, ma anche dal gabinetto militare, inclusi Benny Gantz e Gadi Eisenkot.” Come ha fatto Israele a fare questo? Non esiste ancora una risposta chiara a questa domanda. Ma ci sono punti importanti da considerare: il modello di elicottero iraniano aveva almeno 60 anni. Il pilota ha dovuto utilizzare il GPS e un sistema di mappatura online per tracciare e mantenere una rotta. È molto facile per Israele disabilitare l’elettronica degli elicotteri, comprese le applicazioni e i navigatori online. Ciò potrebbe disabilitare completamente il drone o fornire al pilota letture GPS errate o non disponibili. ? Il capo di stato maggiore iraniano, che è atterrato sano e salvo ed era presente a bordo di uno degli altri elicotteri, ha negato che la causa dell’incidente fosse il maltempo. Ha dichiarato anche che sono trascorsi solo pochi secondi tra la perdita del contatto visivo con l’elicottero e la sua scomparsa. Silverstein aggiunge: La mia fonte ha aggiunto che l’uccisione di Raisi dopo il ritorno da una cerimonia di apertura della diga con il leader azerbaigiano Ilham Aliyev “non è stata casuale”. Durante questa cerimonia, il leader della Repubblica dell’Azerbaigian ha anche detto a Raisi: “Alcune persone non sono tanto contente del nostro incontro, ma per noi non sono importanti”.  L’Iran reagirà? ? Silverstein continua: “Se l’affermazione della mia fonte è vera, tutte le porte dell’inferno si apriranno”. L’assassinio non cambia la posizione dell’Iran nei confronti di Israele. Ciò non influisce sulla sua volontà di resistere. Di fatto, rafforzerà l’Iran. Ciò spingerà le persone a sostenere il governo. Ciò non indebolirà la leadership iraniana. Gli Stati Uniti sanno sicuramente cosa è successo.

 

Nel mentre, è apparso il racconto di un ufficiale Iraniano presente a bordo di un altro elicottero della squadra presidenziale.

 

Infatti il capo dell’amministrazione presidenziale iraniana, Gholam-Hossein Esmaeili, che era a bordo di un altro elicottero che accompagnava Ebrahim Raisi, ha fornito nuovi dettagli sullo schianto dell’elicottero presidenziale. Esmaeili ha detto che le condizioni meteorologiche sono state favorevoli durante il volo, con solo una parte del cielo nuvolosa. 

 

Tra mezz’ora dopo il decollo, vicino alla miniera di rame di Sungun, c’era la nuvolosità, ma non c’era la nebbia. Forse c’era la nebbia nel profondo del burrone, ma non lungo la nostra traiettoria di volo. Le nuvole erano leggermente più alte dell’elicottero. Il pilota dell’elicottero che portava il Presidente, in qualità di comandante ci ha dato istruzioni di prendere quota e continuare a muoverci sopra le nuvole. ?Gli elicotteri hanno aumentato la quota e dopo circa 30 secondi il nostro pilota si era accorto che l’elicottero del Presidente è scomparso. Alla fine le nuvole si sono schiarite e abbiamo visto la miniera di rame Sungun. ?Il nostro pilota ha voltato l’elicottero ed è tornato a cercare l’elicottero del Presidente. Mi è stato detto che il suo elicottero avrebbe potuto schiantarsi perché non abbiamo avuto contatti con loro per un minuto e mezzo. Il nostro elicottero ha fatto tanti giri nella zona e non è riuscito a stabilire un contatto radio. Siamo atterrati alla miniera Sungun 30 secondi dopo. Abbiamo contattato i passeggeri dell’elicottero, ma nessuno ci ha risposto. Poi ci è stato detto che era stata fatta una chiamata al cellulare del capitano Mustafavi e il signor al-Hashem ha risposto dicendo che era caduto nel burrone, ma non ha detto cosa fosse successo. Poi quando ho contattato il signor al-Hashem, ha detto: “Non mi sento bene, non so cosa sia successo, non so dove sono, sono sotto gli alberi, non so, non vedo nessuno, sono da solo.

Ha descritto la foresta. Ci è apparso chiaro che l’elicottero si era schiantato. Abbiamo preso un’ambulanza e personale medico e ci siamo recati sul posto. Abbiamo parlato diverse volte con il signor Al-Hashem, ci rispondeva alle chiamate per più o meno tre ore. Poi si è scoperto che sono morti tutti subito e il signor al-Hashem è morto poche ore dopo. Non si è sentito il rumore di un’esplosione, né si vedeva fuoco o fumo. ?Dalle 3 alle 3,30 del pomeriggio il tempo nella zona è completamente cambiato. Infatti quando i soccorritori sono arrivati sul posto il tempo era totalmente mutato. Non so quali siano le condizioni meteorologiche per un volo in elicottero, ma da quello che ho visto con i miei occhi, le condizioni durante il volo erano normali. La nuvola nebbiosa l’abbiamo vista solo in un burrone e in un’area molto limitata che non so dire se possa aver contribuito o meno a impedire il volo.

 

Fonti:

https://parsi.euronews.com/2024/05/21/narrative-of-the-head-of-raisis-office-from-the-last-flight

 

https://www.richardsilverstein.com/2024/05/22/breaking-israel-downed-iranian-presidents-helicopter/

 

News dal Network

Promo