Mezza Maratona Invictus Romania: vince il colonnello Carlo Calcagni

[epvc_views]

Lo sport e la memoria dei caduti nell’esercito uniti in un’iniziativa davvero toccante e iconica. Il 15 giugno è andata in scena la seconda edizione della Invictus Heroes Half-Marathon a Bistri?a-N?s?ud, nella Romania settentrionale. Una competizione creata per festeggiare la Giornata degli Eroi. Per l’Italia ha preso parte alla mezza maratona il colonnello del Ruolo d’Onore dell’Esercito Italiano Carlo Calcagni. Il condottiero azzurro è da poco rientrato dal Giappone dove ha stabilito il record del mondo nella categoria frame running, durante i Campionati del Mondo di Atletica Paralimpica, a Kobe. Nonostante ciò, il colonnello si è reso protagonista di questa competizione, vincendola con un tempo di 01:01:25. A dare il via alla gara è stata Sua Altezza Reale la principessa Sofia, mentre l’iniziativa è stata realizzata, come spiegato dal maggiore Gabriel Ion (coordinatore della Squadra Invictus Romania), da un militare ferito. Queste le parole del maggiore a Radio Romania Internazionale:

«È l’iniziativa del capoplotone aiutante a riposo Florin Boc, militare ferito, che ha promosso l’iniziativa e si è occupato dell’organizzazione. Siamo molto orgogliosi di essere riusciti a coinvolgere oltre 1.000 corridori qui a Bistri?a. Correranno per gli Eroi, per rendere omaggio a tutti coloro che hanno combattuto per questo Paese e hanno messo al di sopra della propria vita le necessità dei romeni, i nostri valori nazionali. E vogliamo esprimere il dovuto rispetto attraverso questa corsa».



Calcagni ha gareggiato per l’Invictus Games Foundation. Si tratta del primo italiano a vincere una competizione mondiale con il deambulatore. Oltre a ciò, ha conquistato anche tre medaglie d’oro agli Invictus Games 2016, a Orlando in Florida, e tre medaglie d’oro agli Invictus Games 2022 svoltisi all’Aja, in Olanda. Queste le sue parole:

«Mai arrendersi, nonostante tutto!” rappresenta il suo tutto.

 

“Il mio MAI ARRENDERSI non è soltanto un motto, ma un vero e proprio stile di vita, perché ogni giorno, con le azioni concrete e attraverso l’esempio tangibile, cerco di trasmettere messaggi e valori importanti a chi vive momenti di difficoltà e tende ad abbattersi ed a scoraggiarsi” spiega Carlo Calcagni a Radio Romania Internazionale.

 

«Mai arrendersi, nonostante tutto. Il mio MAI ARRENDERSI non è soltanto un motto, ma un vero e proprio stile di vita, perché ogni giorno, con le azioni concrete e attraverso l’esempio tangibile, cerco di trasmettere messaggi e valori importanti a chi vive momenti di difficoltà e tende ad abbattersi ed a scoraggiarsiPossiamo educare attraverso l’esempio ed è quello che cerco di fare ogni giorno, per i miei figli e per chi incontro lungo il mio cammino. Alle parole devono seguire i fatti ed è fondamentale, in una società senza padri, avere punti di riferimento stabili e testimoni credibili in grado di guidare nel difficile percorso della crescita. Questo è quello che cerco di fare ogni giorno, per dare un senso alla mia vita, donando me stesso ed il mio tempo agli altri, anche attraverso lo sport nelle competizioni sportive, al di là del risultato, perché non conta la vittoria, ma esserci. Si può vincere senza salire sul podio e vi spiego perché: la vita è un dono meraviglioso che tutti abbiamo ricevuto gratuitamente alla nascita; ad ogni nuova alba io rivivo il dono della vita che dobbiamo vivere, sempre e comunque, fino all’ultimo respiro e dobbiamo rendere speciale con le nostre azioni. Non c’è niente di più appagante del donarsi agli altri senza nulla chiedere».

News dal Network

Promo