Adolescenti e alcol, il 75% si è ubriacato almeno una volta

[epvc_views]

Un rapporto critico tra adolescenti e alcol, non tanto per la frequenza, ma per l’utilizzo ‘da sballo’: oltre 7 ragazzi su 10 si sono ubriacati almeno una volta, secondo i primi risultati dell’indagine nazionale sugli stili di vita degli adolescenti che vivono in Italia, edizione 2024, realizzata da Laboratorio adolescenza e Istituto di ricerca Iard, con il supporto operativo di Mediatyche Srl, su un campione nazionale rappresentativo di 3.427 studenti tra i 13 e i 19 anni.

In generale bevono alcol più volte alla settimana meno del 15% dei maschi e uno scarso 10% delle femmine, e il 50% afferma di non bere mai alcol. Ma tra i non astemi il 75% si è ubriacato almeno una volta, il 32% dei quali più di 3 volte. E nella fascia degli ultimi 2 anni di scuola superiore, la percentuale di chi si è ubriacato più di 3 volte sale al 45% e la percentuale di chi non si è mai ubriacato scende all’11%. Una sorta di ‘passaggio obbligato’, dunque, dove nel 20% dei casi il condizionamento degli amici è forte. La percezione degli adolescenti, inoltre, è che bere alcol faccia molto meno male alla salute che fumare sigarette e meno male anche di quello che può derivare da una vita stressante. Alla domanda ‘quanto sei d’accordo nell’affermare che bere alcol può provocare problemi di salute?’, solo poco più del 30% ha risposto ‘molto d’accordo’, mentre il 40% si è indirizzato su un più vago ‘abbastanza d’accordo’. Forse hanno ragione nel desiderare che la scuola dia loro informazioni più precise al riguardo.

L’emergenza alcol – afferma Gianluigi Marseglia, direttore della Clinica pediatrica dell’Università di Pavia e membro del Consiglio direttivo di Laboratorio adolescenza – è forse oggi una delle maggiori per quel che riguarda l’adolescenza. Ogni sabato sera, tanto per citare un caso pratico, il Pronto soccorso del Policlinico San Matteo di Pavia si prepara alla sfilata notturna di adolescenti e giovani adulti con disturbi legati all’abuso di sostanze alcoliche. Malessere, stato confusionale, fino ad arrivare a vere e proprie intossicazioni e al coma etilico. A volte sono i genitori, ma spesso sono altri giovani, gli amici, che accompagnano al pronto soccorso, spaventati, il loro o la loro socia di bevute”.

Per 86% giovani uso droghe sintetiche ad alto rischio, solo 33,9% lo pensa degli alcolici

“Ma, al di là del superamento del momento critico, quello che i giovanissimi sembrano non comprendere – evidenziano gli autori dell’indagine – è la pericolosità dell’alcol non solo nell’immediato dell’ubriacatura, ma anche a medio e lungo termine. Di fronte a questa situazione, l’impegno dei pediatri e dei medici di famiglia deve essere massimo per affrontare attivamente l’argomento con i loro pazienti adolescenti per fare prevenzione”.

“L’86% dei giovani intervistati considera il fare uso di droghe sintetiche un fattore di alto rischio per la salute. Il dato cala vertiginosamente a un 33,9% quando si fa riferimento all’alcol. Secondo l’Oms – sottolinea Giada Giglio Moro, psicologa e psicoterapeuta di Milano – l’alcol rientra tra la classificazione delle droghe, per cui appare chiara una grave disinformazione riguardo al fatto che l’alcol è a tutti gli effetti una droga. Questa differenza nella percezione del rischio può essere molto pericolosa ed è più che mai necessario aiutare i ragazzi ad interrogarsi circa le ragioni che li conducono a fare uso e abuso di alcol”.

Dietro questa scelta “c’è sempre un tentativo di gestire qualcosa, e l’alcol interviene come apparente soluzione a questi problemi. Allora sarebbe opportuno – suggerisce l’esperta – fare prevenzione là dove i ragazzi sono, online e offline, ovvero sui canali digitali e nelle scuole, per aiutarli a trovare modalità adattive che rispondano in modo efficace a ciò che li turba dentro, che li aiuti nella regolazione delle proprie emozioni, nel loro processo di crescita e di sviluppo, al fine promuovere il loro bisogno evolutivo di esplorazione e di non permettere all’alcol, come ad altre sostanze, di mettere un punto alla loro ricerca di sé”.

adnkronos

News dal Network

Promo